RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport 2004

Archivi

Lo scopo dell'Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport 2004 era quello di incoraggiare le partnership tra il mondo dell'istruzione ed il mondo dello sport per promuovere i valori educativi e sociali dell'attività sportiva.

ATTO

Decisione n. 291/2003/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 febbraio 2003, che istituisce l'Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport 2004 [Cfr atti modificativi].

SINTESI

Lo sport è divenuto un fenomeno economico e sociale di rilevante importanza nell'Unione europea. La Comunità europea ha riconosciuto più volte l'importante ruolo sociale dello sport e in particolare il suo ruolo educativo. Infatti una dichiarazione allegata al trattato di Amsterdam definisce lo sport come lievito dell'identità dei popoli, mentre il Consiglio europeo di Nizza del dicembre 2000 ha sottolineato "le sue funzioni sociali in Europa che devono essere prese in considerazione nell'applicazione delle politiche comuni". In tale prospettiva, l'Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport è stato organizzato in base alla sua funzione educativa e sociale.

I Giochi Olimpici e Paraolimpici di Atene del 2004, ma anche gli europei di calcio in Portogallo hanno fatto registrare un aumento della copertura mediatica per lo sport e della sensibilizzazione del pubblico riguardo allo sport; inoltre, hanno offerto una buona occasione per promuovere i valori legati ad esso.

Obiettivi

Gli obiettivi dell'Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport 2004 erano i seguenti:

  • sensibilizzare le organizzazioni educative e le organizzazioni sportive riguardo alla necessità di cooperare allo scopo di sviluppare l'educazione attraverso lo sport e la sua dimensione europea;
  • approfittare dei valori trasmessi dallo sport come uno strumento di sviluppo delle conoscenze e delle competenze educative di base, che consentono ai giovani di migliorare le loro capacità fisiche e sociali, segnatamente nel quadro del percorso scolastico (lavoro in equipe, solidarietà, "fair-play" in un contesto multiculturale);
  • sottolineare il positivo contributo del volontariato nel campo dell'educazione informale dei giovani;
  • incoraggiare lo scambio di buone pratiche per quanto riguarda il ruolo che lo sport può svolgere nei sistemi educativi al fine di promuovere l'integrazione sociale dei gruppi più svantaggiati;
  • analizzare i problemi legati all'istruzione dei giovani sportivi e dei giovani impegnati in sport agonistici.

Azioni

Le attività e le iniziative avviate nel quadro dell'Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport sono state svolte a livello comunitario, nazionale, regionale e locale. Le azioni sono state cofinanziate dalla Comunità. Le azioni sostenute nel corso dell'Anno sono state le seguenti:

  • incontri, competizioni scolastiche europee e manifestazioni incentrate sulle realizzazioni e le esperienze svolte sul tema dello sport;
  • azioni di volontariato a livello europeo durante i Giochi Olimpici e altre manifestazioni sportive in programma nel 2004;
  • campagne d'ìinformazione e promozione, segnatamente in cooperazione con i media, al fine di diffondere i valori educativi dello sport;
  • manifestazioni miranti a promuovere il valore educativo dello sport ed a presentare esempi di buone pratiche;
  • sostegno finanziario a iniziative prese a livello transnazionale, nazionale, regionale o locale con l'obiettivo di promuovere gli obiettivi dell'Anno.

I contributi della Comunità sono stati assegnati in base al tipo d'azione:

  • Le azioni di portata comunitaria sono state sovvenzionate fino all'80% del loro costo ammissibile totale massimo attraverso il bilancio generale dell'Unione europea;
  • Le azioni di portata locale, regionale, nazionale o transnazionale di interesse comunitario sono state sovvenzionate fino al 50% del loro costo ammissibile totale massimo attraverso il bilancio generale dell'Untone europea.

Altri tipi di azioni hanno beneficiato di un sostegno simbolico (come l'utilizzo del logo e di altri materiali associati alle manifestazioni dell'Anno).

Attuazione

Gli Stati membri hanno designato gli organismi incaricati del coordinamento e dell'attuazione locale delle azioni al livello appropriato.

La Commissione si è incaricata dell'attuazione complessiva e del coordinamento delle attività dell'Anno, ivi compresa la selezione di progetti cofinanziati tramite il bilancio comunitario, nel rispetto del principio di sussidiarietà. Nello svolgimento del suo compito essa è stata assistita da un comitato. All'atto della procedura di selezione dei progetti la Commissione ha tenuto conto del parere degli organismi designati dagli Stati membri per l'attuazione dei progetti ed ha assicurato una ripartizione equilibrata tra gli Stati membri.

Inoltre essa ha controllato che le azioni venissero svolte coerentemente e complementarmente con le altre iniziative comunitarie pertinenti, nonché con le iniziative regionali e nazionali esistenti quando queste potevano contribuire al raggiungimento degli obiettivi dell'Anno

Disposizioni finanziarie

Un bilancio di 12 milioni di euro è stato impiegato a livello comunitario per il periodo preparatorio (anno 2003) e per l'Anno stesso. Il bilancio è stato completato tramite altre iniziative della Commissione e degli Stati membri e attraverso alcune azioni finanziate da altri operatori.

La partecipazione dei paesi dell'EFTA/SEE e dei paesi candidati all'adesione

L'Anno europeo era aperto alla partecipazione dei 25 Stati membri, dei paesi dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA) e dello Spazio economico europeo, in base alle condizioni previste dall'accordo SEE; la Bulgaria e la Romania hanno potuto partecipare in base alle condizioni dei rispettivi accordi europei e la Turchia attraverso stanziamenti supplementari.

Valutazione

La Commissione è tenuta a presentare entro il 31 dicembre 2005 una relazione sull'attuazione, sui risultati e sulla valutazione complessiva dell'Anno europeo.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Data limite di trasposizione negli Stati membri Gazzetta ufficiale
Decisione n. 291/2003/CE [adozione: codecisione COD/2001/0244] 19.02.2003 - GU L 43 del 18.02.2003

Atto(i) modificatore(i) Data di entrata in vigore Data limite di trasposizione negli Stati membri Gazzetta ufficiale
Decisione n. 786/2004/CE 30.04.2004 - GU L 38 del 30.04.2004
Regolamento (CE) n. 885/2004 01.05.2004 - GU L 68 del 01.05.2004
 
Ultima modifica: 12.09.2005

Vedi anche

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito riguardante

l'Anno europeo dell'educazione attraverso lo sport, nonché il sito della Commissione europea in materia di sport [EN].

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina