RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Il dialogo sociale interprofessionale europeo

Condotto a livello interprofessionale, il dialogo sociale europeo può risolvere i problemi generali riguardanti l'economia nel suo complesso. Questo tipo di dialogo è complementare al dialogo sociale settoriale che affronta questioni specifiche a determinate industrie.

Il dialogo sociale interprofessionale tripartito

Il dialogo sociale tripartito si svolge tra i rappresentanti dei lavoratori dipendenti, dei datori di lavoro e delle istituzioni europee. Si sviluppa essenzialmente a livello interprofessionale, su questioni tecniche e politiche, in particolare in settori quali la politica macroeconomica, l'occupazione, la protezione sociale, l'istruzione e la formazione.

Questo tipo di dialogo mira a garantire l'effettiva partecipazione delle parti sociali nell'attuazione delle politiche economiche e sociali dell'Unione europea (UE). A tale titolo, le parti sociali europee si incontrano in occasione del vertice sociale tripartito per la crescita e l'occupazione il cui ruolo è sancito all'articolo 152 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE). Possono altresì riunirsi in gruppi di lavoro e seminari specifici.

Dialogo sociale interprofessionale bipartito

Il dialogo sociale bipartito è guidato congiuntamente dalle associazioni dei datori di lavoro e dei sindacati. A livello interprofessionale si svolge principalmente nell'ambito del Comitato per il dialogo sociale (CDS).

Come parte della loro concertazione, le parti sociali possono raggiungere accordi che vengono attuati negli Stati membri secondo le procedure e le prassi nazionali (articolo 155 del TFUE).

Inoltre, in alcuni ambiti, le parti sociali possono chiedere che i propri accordi siano adottati sotto forma di decisione da parte del Consiglio, a seguito di una proposta della Commissione e dell'informazione del Parlamento europeo. Questa procedura può essere implementata solo nei settori elencati all'articolo 153 del TFUE: si tratta ad esempio delle condizioni di lavoro, della salute e della sicurezza dei lavoratori, della tutela sociale, della tutela in caso di risoluzione del contratto di lavoro.

Parti sociali europee

A livello interprofessionale, i lavoratori europei sono rappresentati da:

  • la Confederazione europea dei sindacati (CES/ ETUC) (EN) (FR);
  • la Confederazione europea dei dirigenti e quadri (CEC) (EN) (FR);
  • EUROCADRES (DE) (EN) (FR).

Per quanto riguarda i datori di lavoro europei, essi sono rappresentati da:

  • BUSINESSEUROPE (EN);
  • l’Unione europea dell'artigianato e delle piccole e medie imprese (UEAPME) (EN);
  • il Centro europeo delle imprese a partecipazione pubblica e delle imprese di interesse economico generale (CEEP) (EN).
Ultima modifica: 14.10.2011

Vedi anche

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina