RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Turchia - Occupazione e politica sociale

I paesi candidati conducono negoziati con l’Unione europea (UE) al fine di prepararsi all’adesione. Tali negoziati di adesione riguardano l’adozione e l’applicazione della legislazione europea (acquis) e specificatamente le priorità identificate congiuntamente dalla Commissione e dai paesi candidati, nel corso dello screening dell’acquis politico e legislativo dell’UE. Ogni anno la Commissione esamina i progressi compiuti dai candidati al fine di valutare gli sforzi ancora da effettuare fino alla loro adesione. Questo monitoraggio è oggetto di relazioni annuali presentate al Consiglio e al Parlamento europeo.

ATTO

Relazione della Commissione [COM(2011) 666 def. – SEC(2011) 1201 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La relazione 2011 rileva i limitati progressi nel settore dell’occupazione e della politica sociale. Pur essendo state realizzate le modifiche costituzionali, la piena garanzia dei diritti sindacali non è ancora garantita. Il lavoro sommerso e quello delle donne restano fonti di preoccupazione.

ACQUIS DELL’UNIONE EUROPEA (secondo i termini della Commissione)

L'acquis sociale comprende norme minime in settori quali il diritto del lavoro, la parità di trattamento fra uomini e donne nel mercato del lavoro, la salute e la sicurezza sul lavoro e la lotta contro la discriminazione. Il Fondo sociale europeo (FSE) è il principale strumento finanziario attraverso il quale l’Unione sostiene l’attuazione della sua strategia per l’occupazione e contribuisce agli sforzi volti a contrastare l’esclusione sociale (le sue disposizioni di applicazione sono trattate nel capitolo 22, dedicato agli strumenti strutturali). Gli Stati membri partecipano al dialogo sociale a livello europeo nonché ai processi politici comunitari in materia di occupazione, inclusione sociale e protezione sociale.

VALUTAZIONE (secondo i termini della Commissione)

La Turchia ha compiuto progressi limitati in termini di politica sociale e occupazione. La capacità amministrativa è lievemente migliorata. Dalle modifiche costituzionali sui diritti sindacali non sono scaturite ulteriori modifiche della legislazione volte a garantire il pieno rispetto dei diritti sindacali in conformità degli standard dell'UE e delle convenzioni dell'OIL. La riduzione del lavoro nero, un fenomeno estremamente diffuso, e l'aumento dei tassi di occupazione femminile rimangono obiettivi prioritari. Il campo di applicazione del diritto del lavoro è ancora limitato. Occorre migliorare l'applicazione della legislazione in materia di salute e sicurezza sul posto di lavoro. Il rischio di povertà rimane molto elevato, specialmente per la popolazione rurale e i bambini. La legislazione che istituisce un organo per la parità non è ancora stata adottata.

ATTI CONNESSI

Relazione della Commissione [COM(2010) 660 def. – SEC(2010) 1327 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2010 illustrava i progressi della Turchia nel settore della politica sociale e dell’occupazione. L’allineamento sull’acquis sociale europeo resta tuttavia limitato. Era necessario proseguire le riforme in materia di sanità e di sicurezza sul lavoro, di diritto sindacale e di lotta alla povertà.

Relazione della Commissione [COM(2009) 533 def. – SEC(2009) 1334 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2009 rilevava progressi limitati. La legislazione sul diritto del lavoro, le discriminazioni, la salute e sicurezza sul posto di lavoro, non era ancora allineata alla normativa europea. Tuttavia i preparativi necessari per l’attuazione del Fondo sociale europeo nel paese hanno mostrato un’accelerazione. L’istituzione della commissione parlamentare sulla parità fra uomini e donne costituiva altresì un elemento di progresso. Il paese doveva intervenire adeguatamente per ridurre la disoccupazione e lottare contro la povertà.

Relazione della Commissione [COM(2008) 674 def. – SEC(2008) 2699 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2008 rilevava che la Turchia doveva ancora fare progressi, nonostante l’adozione di un pacchetto di misure politiche in materia di occupazione e di previdenza sociale e assicurazione sanitaria generale. Il documento di valutazione comune delle priorità in materia di occupazione e il memorandum sull’inclusione dovevano essere ultimati.

Relazione della Commissione [COM(2007) 663 def. – SEC(2007) 1436 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2007 evidenziava gli sforzi necessari a favore della parità fra i sessi e per il rafforzamento delle capacità amministrative.

Relazione della Commissione [COM(2006) 649 def. – SEC(2006) 1390 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2006 sottolineava alcuni progressi realizzati per quanto riguarda in particolare la protezione sociale e l’attuazione di una nuova legge sui disabili.

Relazione della Commissione[COM(2005) 561 def. – SEC(2005) 1426 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2005 osservava le modifiche apportate nei settori del diritto del lavoro, della salute e della sicurezza sul lavoro. Le autorità turche hanno iniziato ad elaborare il documento di valutazione comune delle priorità della politica dell’occupazione e il memorandum congiunto di lotta all’esclusione sociale. Le capacità amministrative del ministero del Lavoro sono state altresì consolidate.

Relazione della Commissione [COM(2004) 656 def. – SEC(2004) 1201 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2004 constatava che il processo di allineamento era incompleto e che occorrevano ulteriori progressi per migliorare lo stato di salute della popolazione e fare della lotta all’esclusione sociale una priorità.

Relazione della Commissione [COM(2003) 675 def. – SEC(2003) 1212 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2003 evidenziava che, nonostante il processo di allineamento fosse stato avviato, in particolare nei settori legati alla legislazione del lavoro, molto restava ancora da fare in materia di dialogo sociale, protezione sociale, promozione dell’integrazione sociale e della sanità pubblica.

Relazione della Commissionne [COM(2002) 700 def. – SEC(2002) 1412 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissionne [COM(2001) 700 def. – SEC(2001) 1756 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione [COM(2000) 713 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione 2000 sottolineava che la Turchia aveva ancora grandi passi da compiere per avvicinarsi all’acquis comunitario nel settore dell’occupazione e degli affari sociali.

Relazione della Commissione [COM(1999) 513 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Relazione della Commissione [COM(1998) 711 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 29.12.2011

Vedi anche

  • Sito della direzione generale Allargamento, strategia di allargamento e relazioni sui progressi compiuti 2011 (DE) (EN) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina