RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Le norme europee entro il 2020

L’elaborazione di norme è il risultato di una cooperazione tra l’industria, le autorità pubbliche e altri soggetti nell’Unione europea (UE). La normalizzazione è anche un fattore importante per la crescita e la produttività. Tuttavia, molte di queste norme sono ancora elaborate su iniziativa dell’industria. Al fine di realizzare un quadro europeo di normalizzazione, la Commissione europea intende migliorare la partecipazione di tutte le parti coinvolte nel processo di elaborazione delle norme.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale europeo del 1° giugno 2011 intitolata « Una visione strategica per le norme europee: compiere passi avanti per favorire e accelerare la crescita sostenibile dell'economia europea entro il 2020 » (Testo rilevante ai fini del SEE) [COM(2011) 311 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La presente comunicazione illustra una strategia che punta a stabilire un sistema europeo di normalizzazione.

Le norme europee al servizio della politica industriale e dell’innovazione

La realizzazione di norme europee nel settore dell’industria presenta numerosi vantaggi, come la riduzione dei costi, la possibilità di prevedere i requisiti tecnici e la riduzione dei costi delle operazioni. Per quanto riguarda l’innovazione, le norme europee consentirebbero di codificare e diffondere le conoscenze più recenti relative a varie tecnologie.

Per sostenere la politica industriale e dell’innovazione, la Commissione europea intende in particolare:

  • accelerare l’elaborazione delle norme e adottarle per prodotti e servizi innovativi nel settore della progettazione ecocompatibile, delle reti intelligenti e dell’efficienza energetica;
  • concepire dei criteri di prestazione per gli organismi europei di normalizzazione (OEN) (DE) (EN) (FR);
  • migliorare la sensibilizzazione e l’istruzione in materia di normalizzazione.

Le norme europee al servizio della società

Le norme europee devono svolgere un ruolo importante in materia di tutela dei consumatori e di accessibilità per le persone anziane o disabili.

Anche la crescita ecosostenibile è un settore che trarrà vantaggio dalle norme europee poiché esse potrebbero contribuire a favorire la transizione verso un economia a basse emissioni di carbonio.

Per mettere le norme europee al servizio della società, la Commissione propone di:

Le norme europee al servizio di un processo di elaborazione inclusivo

La Commissione ritiene che gli OEN e gli organismi nazionali di normalizzazione (ONN) debbano svolgere un ruolo nel processo di elaborazione delle norme inclusivo e invita quindi gli OEN e gli ONN a realizzare un programma di parametri relativi ai criteri di partecipazione e un sistema di valutazione fra pari con l’obiettivo di seguire la partecipazione al processo di normalizzazione delle parti interessate.

Inoltre, si incoraggiano gli Stati membri a favorire la partecipazione delle organizzazioni nazionali che rappresentano le PMI e i soggetti nazionali della società civile interessati al processo di elaborazione delle norme.

Le norme europee al servizio del mercato unico

La libera circolazione delle merci ha già tratto notevole beneficio dal sistema europeo di normalizzazione grazie al « nuovo approccio ». Sarebbe però auspicabile applicare nella stessa ottica le norme europee ai servizi.

Per tale ragione la Commissione intende inserire le norme relative ai servizi nel campo d’applicazione del futuro regolamento relativo alla normalizzazione. Le norme per i servizi devono basarsi sul mercato, sul consenso e sull’interesse pubblico.

Le norme europee al servizio delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC)

Le TIC rappresentano il 5 % del PIL europeo, che corrisponde a 660 miliardi di euro. Quindi, è importante garantire l’interoperabilità tra i dispositivi, le applicazioni, gli archivi di dati, i servizi e le reti grazie alle norme, come raccomandato dall’agenda digitale europea.

La Commissione intende istituire e presiedere una piattaforma multilaterale con la funzione principale di assisterla su questioni riguardanti l’attuazione di politiche di normalizzazione nel campo delle TIC. Gli OEN dovranno migliorare i processi d’integrazione delle norme TIC elaborate da altri organismi di normalizzazione nel sistema europeo di normalizzazione.

Le norme europee al servizio della competitività dell’UE sul mercato mondiale

Gli ONN europei sono tutti membri dell’Organizzazione internazionale di normalizzazione (ISO) (EN) (FR) e della Commissione elettrotecnica internazionale (CEI) (EN). Tale partecipazione consente di aumentare la competitività delle imprese europee sul mercato mondiale grazie all’accesso ai mercati stranieri e alla realizzazione di partenariati commerciali internazionali.

L’UE desidera favorire l’utilizzo di norme internazionali incoraggiando i paesi vicini e altre regioni del mondo ad utilizzare tali norme. A tale scopo, intende fornire assistenza tecnica e spronarli a partecipare ai lavori di normalizzazione internazionale. Inoltre, gli OEN e gli ONN sono invitati a presentare proposte di norme internazionali nei settori in cui l’Europa è leader.

Termini chiave dell’atto
  • Norme: documenti volontari che definiscono requisiti tecnici o di qualità ai quali prodotti, processi di produzione, servizi e metodi attuali o futuri possono conformarsi. Le norme sono il risultato di una cooperazione volontaria tra l’industria, le autorità pubbliche e altri soggetti interessati che agiscono di concerto in un sistema basato sull'apertura, sulla trasparenza e sul consenso.

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso a interpretare né sostituire il documento di riferimento, che costituisce l'unica base giuridica vincolante.

Ultima modifica: 26.09.2011

Vedi anche

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina