RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Riduzione dei gas serra: tabella di marcia fino al 2050

La Commissione presenta le principali tappe finalizzate a alla riduzione delle emissioni dei gas serra dell’Unione europea entro il 2050. Infatti, la transizione efficace e graduale verso un’economia a basse emissioni di carbonio deve essere realizzata mediante l’efficienza energetica, l’innovazione e l’aumento degli investimenti.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni dell’8 marzo 2011 “Una tabella di marcia verso un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050” [COM(2011) 112 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

L’Unione europea (UE) adotta una tabella di marcia per la riduzione graduale delle emissioni di gas serra con l’obiettivo di trasformarsi in un’economia competitiva a basse emissioni di carbonio.

Pertanto, l’UE si impegna a:

  • abbattere le proprie emissioni di gas effetto serra almeno del 20 % entro il 2020;
  • portare al 20 % la quota di energie rinnovabili nel suo mix energetico;
  • raggiungere un’efficienza energetica del 20 % entro il 2020.

Inoltre, l’UE deve prepararsi ad abbattere le proprie emissioni interne di gas serra del 40 % entro il 2030 e dell’80 % entro il 2050. Tali livelli di emissioni sono calcolati rispetto ai livelli del 1990.

Innovare per migliorare l’efficienza energetica

La presente tabella di marcia deve connettersi a strategie settoriali a favore dell’innovazione tecnologica, le quali devono riguardare, in particolare:

  • il settore dell’elettricità, allo scopo di renderlo più sicuro e competitivo, eliminando da esso le emissioni di carbonio. Il mix elettrico deve essere maggiormente diversificato, in particolare ricorrendo all’energia fotovoltaica;
  • la mobilità sostenibile, segnatamente mediante l’utilizzo ottimale di reti di trasporto, l’efficienza energetica dei veicoli, l’elettrificazione e i combustibili puliti, anche nel settore dell’aviazione;
  • l’ambiente edificato, migliorando l’efficienza energetica nell’edilizia, al fine di ottenere un abbattimento delle emissioni di gas serra del 90 % nel 2050 in questo settore;
  • l’industria, comprese le industrie ad alta intensità energetica. Di fatto, le emissioni del settore potrebbero essere ridotte per un valore compreso tra l’83 e l’87 % entro il 2050, tramite innovazioni nell’impiego delle risorse, nel riciclaggio o della cattura del carbonio su larga scala;
  • l’agricoltura, per l’uso sostenibile delle terre e la riduzione delle emissioni, in particolare tramite la gestioni dei suoli e dei concimi, l’uso efficiente dei fertilizzanti, la diversificazione e la commercializzazione della produzione locale, nonché l’agricoltura estensiva.

Investire per un futuro a basse emissioni di carbonio

Lo sviluppo delle fonti di energia a basse emissioni di carbonio deve basarsi su investimenti finanziari sostenibili e diversificati. L’aumento dei capitali deve permettere di:

  • sviluppare le infrastrutture di supporto, le reti e le tecnologiche informatiche e di comunicazione;
  • diversificare le risorse energetiche interne e ridurre la dipendenza dell’UE dalle importazioni di combustibili fossili;
  • sviluppare i settori che creano posti di lavoro e provvedere alla formazione dei lavoratori, in particolare nei settori delle energie rinnovabili, dell’edilizia e delle nuove tecnologie;
  • migliorare la qualità dell’aria, monitorando e riducendo progressivamente gli inquinanti atmosferici.

Cooperazione internazionale

Le conoscenze scientifiche consentono di stabilire che un abbattimento delle emissioni di gas serra globali pari al 50 % entro il 2050 può evitare l’aumento delle temperature di 2°C.

Pertanto, l’UE (le cui emissioni rappresentano circa il 10 % dei gas serra globali) si impegna a intensificare le sue relazioni di cooperazione bilaterale e multilaterale a favore della lotta contro i cambiamenti climatici. La sua azione deve contribuire in particolare all’innovazione, alla sicurezza energetica e alla competitività nei settori chiave di crescita e sviluppo.

Contesto

La presente tabella di marcia integra gli obiettivi del piano SET per lo sviluppo di tecnologie a basse emissioni di carbonio e della disciplina per lo scambio di quote di emissione dell’UE (ETS).

Si conforma anche alla strategia per le nuove competenze e l’occupazione e all’iniziativa faro per l’impiego efficiente delle risorse della strategia Europa 2020.

Ultima modifica: 29.04.2011

Vedi anche

  • Il sito Internet della Commissione europea, Azione per il clima (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina