RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Istituto europeo per l'uguaglianza di genere

L'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere ha il compito di aiutare le istituzioni europee e gli Stati membri a integrare il principio di uguaglianza nelle loro politiche e a lottare contro la discriminazione fondata sul sesso. L'Istituto informa anche i cittadini dell’Unione europea (UE) in merito all'uguaglianza di genere.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1922/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 dicembre 2006, che costituisce un Istituto europeo per l'uguaglianza di genere [Gazzetta ufficiale L 403 del 30.12.2006].

SINTESI

L'uguaglianza tra uomini e donne costituisce un diritto fondamentale previsto dal trattato di Lisbona e una politica prioritaria dell'Unione europea (UE). Ciononostante, occorrono ulteriori progressi per raggiungere una reale parità tra donne e uomini nella vita professionale e nella vita privata.

In quest'ottica, l'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere svolgerà un ruolo importante mettendo a disposizione l'esperienza richiesta per elaborare misure a favore dell'uguaglianza tra donne e uomini in tutta l'UE.

Missioni dell’Istituto

L'Istituto fornirà alle istituzioni europee e agli Stati membri dell’UE la proprie competenze tecniche per contribuire:

  • alla promozione e al rafforzamento dell'uguaglianza fra donne e uomini;
  • all'integrazione delle questioni di uguaglianza fra donne e uomini in tutte le politiche comunitarie e nelle relative politiche nazionali;
  • alla lotta contro la discriminazione fondata sul sesso;
  • alla sensibilizzazione dei cittadini europei, in particolare attraverso conferenze e campagne d’informazione.

L’Istituto basa il proprio lavoro su dati oggettivi, affidabili e comparabili a livello europeo. È responsabile della raccolta, dell’analisi e della diffusione di tali dati.

L’Istituto analizza anche le informazioni raccolte presso le organizzazioni internazionali e dei paesi terzi. Infine, contribuisce all’integrazione del principio di uguaglianza dei sessi nella politica esterna europea.

L'Istituto promuove gli scambi di esperienze e il dialogo tra tutte le parti in causa, in particolare le parti sociali, le organizzazioni non governative e i centri di ricerca.

Funzionamento

L'Istituto conduce le proprie attività in maniera autonoma e trasparente. È diretto da un consiglio di amministrazione, con il sostegno di una direttrice, ed è assistito da un forum consultivo. La sua sede è a Vilnius (Lituania).

L'Istituto coopera in particolare con la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, l'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1922/2006

19.1.2007

-

GU L 403, 30.12.2006

Ultima modifica: 23.05.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina