RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Cooperazione nel campo dell'istruzione e della formazione professionale (IFP)

Le presenti conclusioni incoraggiano gli Stati membri e la Commissione a rafforzare la cooperazione europea nel campo dell'istruzione e della formazione professionale (IFP) adottando misure nelle quattro seguenti aree prioritarie: attuazione degli strumenti comuni, promozione della qualità e dell'interesse nell'IFP, sviluppo di collegamenti con il mercato del lavoro, e rafforzamento della cooperazione europea.

ATTO

Conclusioni del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri del 24 gennaio 2009, riuniti in sede di Consiglio, sulle priorità future di una maggiore cooperazione europea in materia di istruzione e formazione professionale (IFP) [Gazzetta ufficiale C 18 del 24.1.2009].

SINTESI

Le presenti conclusioni definiscono delle misure volontarie con cui gli Stati membri possono cooperare al fine di migliorare la qualità e l'efficienza dell'istruzione e della formazione professionale (IFP). Identificano quattro aree prioritarie che devono essere affrontate per il periodo 2008-2010, nonché le priorità e gli orientamenti stabiliti dal processo di Copenaghen (EN).

Attuazione degli strumenti e dei piani europei comuni che promuovono la cooperazione nel campo dell'IFP

I sistemi e i quadri nazionali delle qualifiche basati sui risultati dell'apprendimento devono essere conformi al quadro europeo delle qualifiche. È essenziale che vengano attuati, insieme al futuro Sistema europeo di crediti per l'istruzione e la formazione professionali (ECVET) e al Contesto europeo di riferimento per garantire la qualità (CERAQ). A tal fine, è necessario sviluppare progetti pilota, metodi e strumenti coerenti, inclusi gli strumenti per la convalida dei risultati dell'apprendimento informale e non formale, nonché strumenti di assicurazione della qualità.

Promozione della qualità e dell'interesse dei sistemi IFP

L'interesse per l'IFP deve essere esteso a tutti i gruppi target, in particolare studenti, adulti e aziende. Allo stesso tempo, è importante garantire che l'accesso e la partecipazione all'IFP sia aperto a tutti, con particolare attenzione alle persone o ai gruppi a rischio di esclusione. Analogamente, l'informazione, l'orientamento lungo tutto l'arco della vita e i servizi di consulenzadevono essere resi più accessibili. È necessario semplificare le procedure che permettono l'avanzamento da un livello di qualifica a un altro.

Occorre creare strumenti comuni per promuovere la qualità dei sistemi IFP. In particolare, devono essere sviluppati meccanismi di assicurazione della qualità attraverso l'attuazione della futura raccomandazione sul quadro europeo per l'assicurazione della qualità. Le politiche IFP devono poggiare su dati coerenti, che occorre riunire in modo più efficiente. Sono anche necessari investimenti aggiuntivi nella formazione dei formatori IFP, nello sviluppo dell'apprendimento delle lingue in base all'IFP, nella promozione dell'innovazione e della creatività nell'IFP, e nel miglioramento della permeabilità e della continuità dei percorsi formativi fra i diversi gradi di istruzione.

Sviluppo dei collegamenti fra l'IFP e il mercato del lavoro

Per migliorare i collegamenti fra l'IFP e il mercato del lavoro, è fondamentale portare avanti meccanismi di prospezione incentrati sul lavoro e le competenze, e in grado di riconoscere le opportunità di lavoro disponibili. Allo stesso tempo, è importante garantire la partecipazione delle parti sociali ed economiche nello sviluppo delle politiche IFP.

Occorre anche consolidare i servizi di orientamento e consulenza, al fine di rendere più agevole la transizione dalla formazione all'occupazione. I meccanismi di formazione degli adulti devono essere perfezionati per ampliare le opportunità di carriera e aumentare la aziendale competitività delle imprese. Inoltre, è richiesto uno sforzo ulteriore per portare avanti la convalida e l riconoscimento dei risultati dell'apprendimento non formale e informale. È importante stimolare la mobilità delle persone nella formazione legata al lavoro, in particolare rafforzando i programmi comunitari adeguati. Infine, deve essere consolidato il ruolo dell'istruzione superiore nell'IFP e rispetto all'inserimento nel mercato del lavoro.

Rafforzamento della cooperazione europea

Le attività di apprendimento tra pari devono essere rese più efficaci in modo da poterne usare i risultati nello sviluppo delle politiche nazionali dell'IFP. È essenziale che le priorità collegate all'IFP siano ben integrate e visibili nel futuro quadro strategico di cooperazione europea nel campo dell'istruzione e della formazione. L'IFP deve essere collegato più strettamente alle politiche sugli altri gradi d'istruzione, multilinguismo e gioventù. Inoltre, deve essere intensificata la collaborazione con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali.

La Commissione e gli Stati membri sono incoraggiati ad attuare, nei limiti delle proprie rispettive competenze, le misure definite nelle quattro aree prioritarie. Essi devono usare mezzi adeguati di finanziamento, sia pubblico che privato, per approfondire le riforme nazionali e attuare gli strumenti comunitari. Devono anche estendere la portata e la qualità delle statistiche IFP e sviluppare una componente IFP più esplicita nell'ambito del quadro coerente di indicatori e di parametri di riferimento. Inoltre, devono perseguire lo sforzo di sviluppo delle attività volte ad anticipare le esigenze di qualifiche.

La Commissione e gli Stati membri devono scambiare le informazioni e collaborare in materia di IFP con i paesi terzi. Il Cedefop (Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale) e la Fondazione europea per la formazione (ETF) partecipano attivamente sostenendo la Commissione nelle questioni legate all'IFP.

Ultima modifica: 24.06.2009

Vedi anche

  • Il sito Web "Istruzione e formazione professionale" (DE) (EN) (FR) della Direzione generale della Commissione europea per l'istruzione e la cultura
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina