RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Piano di lavoro 2011-2014 per lo sport

Per rafforzare la cooperazione europea nel settore dello sport, il Consiglio ha adottato una serie di azioni specifiche che la Commissione e i paesi dell'Unione europea (UE) dovranno attuare nel periodo 2011-2014.

ATTO

Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro dell'Unione europea per lo sport per il 2011-2014 [GU C 162 dell'1.6.2011].

SINTESI

Il trattato di Lisbona ha riconosciuto lo sport come un settore di competenza dell'Unione europea (UE) in cui essa può sostenere, coordinare e integrare le attività dei suoi Stati membri. Promuovendo uno crescita sostenibile, intelligente e inclusiva, nonché la creazione di posti di lavoro, lo sport contribuisce anche al conseguimento degli obiettivi della strategia Europa 2020. Esso ha inoltre effetti positivi sull'inclusione sociale, l'istruzione e la formazione, nonché sulla salute pubblica e l'invecchiamento attivo.

Per sviluppare la dimensione europea dello sport, la Commissione approva un piano di lavoro triennale che descrive le azioni che devono essere attuate dagli Stati membri e dalla Commissione.

Sono stati identificati tre settori prioritari, accompagnati da azioni per il periodo 2011-2014:

  • L’integrità dello sport, in particolare la lotta al doping e alle partite truccate. Le azioni definite in questo senso sono le seguenti:
    • formulare un progetto di osservazioni dell'UE per la revisione del codice mondiale antidoping dell'Agenzia mondiale antidoping (EN) (FR);
    • elaborare la dimensione europea dell'integrità dello sport ponendo l'accento sulla lotta alle partite truccate;
    • elaborare principi di trasparenza in materia di buona governance e di buona organizzazione dello sport;
    • analizzare le questioni inerenti all'accesso alla professione degli agenti sportivi e relativa supervisione, e ai trasferimenti negli sport di squadra, compresa in particolare la questione relativa alle norme di trasferimento dei giovani giocatori.
  • I valori sociali dello sport, in particolare la salute, l'inclusione sociale, l'istruzione e il volontariato. Dovranno essere realizzate le seguenti azioni:
    • preparare una proposta relativa ad orientamenti europei sulle carriere parallele per garantire che i giovani atleti ricevano un'istruzione di qualità parallelamente alla loro formazione sportiva;
    • monitorare l'inclusione delle qualifiche legate allo sport nei contesti nazionali delle qualifiche rispetto al quadro europeo delle qualifiche;
    • esplorare i modi per promuovere attività fisiche a vantaggio della salute e la partecipazione negli sport di base.
  • Gli aspetti economici dello sport, in particolare il finanziamento sostenibile dello sport e la definizione di politiche basate su dati concreti. Due azioni sono definite in questo contesto:
    • promuovere la raccolta dei dati per misurare i vantaggi economici del settore dello sport nell'Unione europea;
    • rafforzare i meccanismi di solidarietà finanziaria tra lo sport professionistico e lo sport di massa.

Attuazione

L'attuazione del piano di lavoro sarà supportata da gruppi di esperti creati dalla Commissione e dai paesi dell'Unione europea nei seguenti settori: lotta al doping, buona governance nello sport, istruzione e formazione nello sport, salute e partecipazione, statistiche in materia di sport, finanziamento sostenibile dello sport.

La Commissione è invitata a collaborare con i movimenti e le organizzazioni sportive coinvolte a livello nazionale, europeo e internazionale. Essa presenterà una relazione entro la fine del 2013 valutando l'attuazione del piano di lavoro.

ATTI COLLEGATI

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, del 18 gennaio 2011 – Sviluppare la dimensione europea dello sport [COM(2011) 12 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

Libro bianco sullo sport, dell'11 luglio 2007, presentato dalla Commissione europea al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato delle regioni e al Comitato economico e sociale europeo [COM(2007) 391 def. - Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 24.10.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina