RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Cooperazione università-imprese

Il forum dell’UE sul dialogo università-imprese è una piattaforma europea per lo scambio delle buone pratiche, la condivisione delle esperienze e la promozione dell'apprendimento reciproco fra le principali parti interessate. Per modernizzare l'istruzione superiore in Europa è fondamentale una maggiore cooperazione fra università e imprese.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni del 2 aprile 2009 – Un nuovo partenariato per la modernizzazione delle università: il forum dell'UE sul dialogo università-imprese [COM(2009) 158 def. – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Il forum dell’UE sul dialogo università-imprese, lanciato a seguito della comunicazione della Commissione del 10 maggio 2006 sulla modernizzazione delle università, fornisce una piattaforma europea per il dialogo. La presente comunicazione scaturisce dall'invito del forum a rafforzare i collegamenti fra le imprese e le università, con l'obiettivo di consolidare l'Europa come società basata sulla conoscenza.

Gli obiettivi della comunicazione sono principalmente tre:

  • fare un bilancio delle sfide e degli ostacoli alla cooperazione fra università e imprese e analizzare le buone pratiche;
  • formulare proposte in vista delle prossime fasi di lavoro del forum;
  • stabilire azioni di seguito per rafforzare la cooperazione.

Le riflessioni del forum sono incentrate su sei questioni principali, in particolare sulle sfide dell'occupabilità e dell'innovazione. Questi due temi devono essere affrontati mediante una riforma approfondita dei curricoli, che sarà possibile solo quando le università forniranno un quadro più coerente. Detti curricoli dovranno includere competenze trasversali e trasferibili, nonché nozioni base di economia e tecnologia. I metodi di esame devono essere maggiormente orientati alla valutazione dell'apprendimento e delle competenze. Allo stesso tempo, i profili di ammissione e gli approcci all'apprendimento devono essere diversificati per sfruttare il talento potenziale delle persone dotate di un bagaglio culturale non tradizionale. È inoltre importante che gli ordini del giorno in materia d'istruzione e di ricerca divengano più interdisciplinari.

La sfida per l'istruzione superiore è quella di offrire condizioni di apprendimento che stimolino l'imprenditorialità. Per creare una cultura imprenditoriale, le università devono operare cambiamenti profondi nella loro gestione e direzione. La formazione imprenditoriale deve essere ampia e aperta a tutti e le università dovrebbero coinvolgere gli imprenditori e gli uomini d'affari nell’attività didattica su tale tema. Analogamente, i professori e gli insegnanti dovrebbero avere accesso a formazioni volte ad insegnare le tecniche imprenditoriali.

Un'altra sfida per le università è il trasferimento di conoscenze. Perché questo avvenga, è essenziale creare un quadro generale di cooperazione fra le università e le imprese. Le università potranno rivolgersi agli uffici addetti alla gestione dei trasferimenti delle conoscenze per avviare delle collaborazioni con le piccole e medie imprese (PMI). Inoltre, le università e gli enti pubblici di ricerca dovrebbero sviluppare strategie per la gestione dei diritti di proprietà intellettuale.

Le università dovrebbero inoltre cercare di migliorare la mobilità a livello internazionale, e fra le imprese e il mondo accademico. A tal scopo, è essenziale che il valore della mobilità sia incoraggiato e riconosciuto da tutti gli attori coinvolti. È ugualmente importante che la mobilità di accademici, ricercatori e studenti verso le imprese riceva un accreditamento. Infine, occorre adattare il quadro giuridico per sostenere e facilitare la mobilità tra università e imprese.

Le università devono cambiare strategia, proponendo autentici programmi di istruzione e di formazione lungo tutto l'arco della vita e facendo diventare l’istruzione e la formazione permanente parte integrante delle loro missioni e strategie. Tuttavia, l'offerta in materia di istruzione e formazione lungo tutto l'arco della vita deve essere messa a punto in cooperazione con le imprese. Università e imprese devono inoltre collaborare per identificare e valutare la domanda di nuove/aggiornate competenze. Allo stesso tempo, l’aggiornamento/l’adeguamento delle competenze devono essere valorizzati e riconosciuti dal mercato del lavoro.

La buona gestione (governance) delle università è fondamentale per una migliore cooperazione con le imprese. La cooperazione università-imprese deve rientrare in strategie istituzionali; occorre anche creare dei sistemi di valutazione e incentivazione adeguati. Infine, le condizioni-quadro nazionali e regionali devono creare una situazione propizia alla cooperazione tra le università e le imprese.

La Commissione si baserà sul lavoro svolto dal forum per promuovere ulteriormente la modernizzazione delle università europee sia attraverso la cooperazione strategica che tramite diverse iniziative nel quadro dei propri programmi. Come azioni di seguito, la Commissione propone la definizione di un programma di lavoro per il futuro e una serie di iniziative concrete in risposta alle questioni più urgenti, soprattutto in materia di occupabilità.

Il forum manterrà la struttura delle riunioni plenarie e dei seminari tematici. Inoltre, verrà sviluppato un sito web per agevolare la comunicazione. La Commissione dovrà mobilitare in misura maggiore i rappresentanti degli organi pubblici, come richiede la comunicazione.

Inoltre, la Commissione si impegna a:

  • esplorare nuove forme di partenariato strutturato nel quadro dei suoi programmi;
  • invitare i soggetti interessati a studiare le future possibilità di cooperazione tra imprese, scuole ed istituti di formazione professionale;
  • incoraggiare le autorità nazionali a creare strutture per la cooperazione fra università e imprese a livello nazionale;
  • lanciare uno studio sulle buone pratiche esistenti in materia di cooperazione tra università e imprese.
Ultima modifica: 07.10.2009

Vedi anche

  • Il sito web Cooperazione università-imprese (EN) della direzione generale Istruzione e cultura della Commissione europea
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina