RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Migliorare la qualità degli studi e della formazione degli insegnanti

La Commissione effettua un'indagine sulla formazione degli insegnanti in seno all'Unione europea (UE) e stabilisce dei filoni di riflessione allo scopo di migliorare i dispositivi. L'obiettivo consiste nel garantire un insegnamento di qualità che risponda alle varie sfide attuali e sia più adeguato alla società della conoscenza.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo del 3 agosto 2007 dal titolo «Migliorare la qualità degli studi e della formazione degli insegnanti» [COM(2007) 392 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La qualità dell'insegnamento costituisce un fattore fondamentale per raggiungere gli obiettivi di Lisbona in materia di coesione sociale, di crescita e di competitività economica.

Il corpo insegnante deve essere in grado di garantire un insegnamento di qualità per consentire ai cittadini dell'Unione europea di acquisire le conoscenze e le competenze di cui avranno bisogno nella loro vita personale e professionale.

Competenze necessarie

L'investimento nella formazione e nel perfezionamento continui degli insegnanti resta tuttavia insufficiente. In nessuno Stato membro la durata minima di formazione supera i cinque giorni l'anno. Il tasso di partecipazione degli insegnanti alla formazione continua, anche se questa è obbligatoria in undici Stati membri, è troppo debole per raggiungere un livello di perfezionamento continuo del corpo insegnante.

I sistemi attuali di formazione degli insegnanti in seno agli Stati membri non favoriscono l'acquisizione di nuove competenze pedagogiche imposte dalle evoluzioni dell'insegnamento e della società in generale.

Benché gli insegnanti debbano dispensare le conoscenze elementari, si chiede loro anche di garantire, fra l'altro:

  • la presa in considerazione delle esigenze specifiche di ciascun discente;
  • l'autonomia dei discenti nell'intero arco della vita;
  • l'acquisizione da parte di tutti i giovani delle competenze-chiave;
  • l'adeguamento dell'insegnamento ad un ambiente multiculturale;
  • l'impiego delle nuove tecnologie.

Quadro d'azione comune

La professione d'insegnante presenta caratteristiche comuni in tutta l'UE. È quindi possibile definire di concerto i tipi di competenze di cui hanno bisogno gli insegnanti, e questo sulla base di taluni principi.

In base a questa constatazione, la Commissione propone agli Stati membri un insieme di orientamenti allo scopo di elaborare azioni volte a:

  • garantire il buon coordinamento dei dispositivi di formazione iniziale e continua degli insegnanti in seno ad un sistema coerente in grado di beneficiare di risorse adeguate;
  • far sì che gli insegnanti posseggano tutta la gamma delle conoscenze, atteggiamenti e attitudini pedagogiche richieste per aiutare i giovani a sfruttare tutto il loro potenziale;
  • promuovere lo statuto e il riconoscimento della professione d'insegnante;
  • creare programmi di formazione degli insegnanti ai livelli di master e dottorato (nonché a livello di laurea);
  • incoraggiare la pratica della riflessione e della ricerca da parte dei detentori della professione;
  • esaminare l'opportunità di alzare il livello delle qualifiche e il grado di esperienza pratica che richiede un posto d'insegnante.

La Commissione prospetta le seguenti iniziative allo scopo di sostenere gli Stati membri nella riforma del loro sistema di formazione degli insegnanti:

  • far in modo che i suoi programmi d'azione sostengano gli Stati membri nei loro sforzi per migliorare l'organizzazione e il contenuto del sistema di formazione degli insegnanti;
  • concepire degli indicatori in questo settore;
  • contribuire alla creazione e alla diffusione di conoscenze nuove nel settore dell'insegnamento e in quello della formazione degli insegnanti.

La Commissione intende misurare l'evoluzione della qualità degli studi e della formazione degli insegnanti nel quadro del programma di lavoro Istruzione e formazione 2010.

Contesto

Il programma per l'istruzione e la formazione permanente (2007-2013) favorisce la mobilità degli insegnanti (programma Socrates e Leonardo da Vinci), e contribuisce alla concretizzazione di progetti di cooperazione fra centri destinati alla formazione degli insegnanti.

 
Ultima modifica: 10.01.2008
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina