RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Ex Repubblica iugoslava di Macedonia – Istruzione e cultura

I paesi candidati conducono negoziati con l’Unione europea (UE) al fine di prepararsi all’adesione. Tali negoziati di adesione riguardano l’adozione e l’applicazione della legislazione europea (acquis) e specificatamente le priorità identificate congiuntamente dalla Commissione e dai paesi candidati, nel corso dello screening dell’acquis politico e legislativo dell’UE. Ogni anno la Commissione esamina i progressi compiuti dai candidati al fine di valutare gli sforzi ancora da effettuare fino alla loro adesione. Questo monitoraggio è oggetto di relazioni annuali presentate al Consiglio e al Parlamento europeo.

ATTO

Relazione della Commissione [COM(2011) 666 def. – SEC(2011) 1203 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Lo status di paese candidato all’adesione all’Unione europea (UE) è stato conferito all’ex Repubblica iugoslava di Macedonia nel 2005. Il partenariato per l’adesione, adottato dal Consiglio nel 2008, sostiene i preparativi del paese in vista della sua futura adesione e l’allineamento della sua legislazione all’acquis comunitario. Nel 2008 i negoziati di adesione non erano ancora iniziati, poiché il paese doveva ancora fare progressi per raggiungere gli obiettivi e le condizioni previsti dal partenariato.

La relazione 2011 pone l’accento sui progressi realizzati nel contesto del quadro strategico “Istruzione e formazione 2020”. Sottolinea inoltre la necessità di migliorare l’interazione tra le comunità etniche nell’insegnamento

ACQUIS DELL’UNIONE EUROPEA (in base ai termini della Commissione)

I settori dell'istruzione, della formazione, della gioventù e della cultura sono principalmente di competenza degli Stati membri. È stato adottato un quadro di cooperazione sulle politiche in materia di istruzione e formazione in vista di una convergenza delle politiche nazionali e del raggiungimento di obiettivi comuni attraverso un metodo di coordinamento aperto. Esso ha portato al programma di lavoro «Istruzione e formazione 2010» che riunisce tutte le azioni nel settore dell’istruzione e della formazione a livello europeo. Inoltre, gli Stati membri devono tenere conto dei principi sanciti dal trattato e assicurarsi che i loro impegni internazionali contribuiscano a conservare e promuovere la diversità culturale. Gli Stati membri devono dotarsi di un quadro giuridico, amministrativo e finanziario nonché delle capacità di attuazione necessarie per garantire una sana gestione finanziaria dei programmi dell’Unione europea nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù.

VALUTAZIONE (secondo i termini della Commissione)

È stato fatto qualche progresso per quanto riguarda gli standard europei in materia di istruzione, formazione, gioventù e cultura. I risultati del paese sono migliorati rispetto ai parametri comuni di "Istruzione e formazione 2020". I programmi “Apprendimento permanente” e “Gioventù in azione” sono tuttora sospesi. Rimane il problema di aumentare l'interazione fra le comunità etniche nel settore dell'istruzione.

ATTI CONNESSI

Relazione della Commissione [COM(2010) 660 def. – SEC(2010) 1327 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
Nella sua relazione 2010, la Commissione registra limitati progressi nel settore dell’istruzione. Sono state infatti realizzate delle riforme, ma i preparativi per l’attuazione dei programmi dell’UE non sono stati ancora conclusi. Il paese ha parzialmente raggiunto i suoi obiettivi nel settore della cultura.

Relazione della Commissione [COM(2009) 533 def. – SEC(2009) 1334 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione dell’ottobre 2009 osserva alcuni progressi in materia di istruzione, formazione e gioventù, soprattutto in termini di preparazione del paese alla partecipazione ai programmi comunitari. Ciononostante, occorrono ulteriori sforzi per attuare la strategia di riforma nazionale, raggiungere i parametri di riferimento comuni dell’UE nel campo dell’istruzione e della formazione, prepararsi alla gestione dei programmi comunitari e creare un sistema efficiente di controllo del funzionamento dell’Agenzia nazionale.

Relazione della Commissione [COM(2008) 674 def. – SEC(2008) 2699 – Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].
La relazione del novembre 2008 riferisce che il paese ha fatto buoni progressi nel campo dell’istruzione, della formazione e della gioventù. Tuttavia, la capacità del paese di attuare la legislazione adottata è insufficiente. Benché i preparativi per la gestione dei programmi comunitari in materia di formazione lungo tutto l’arco della vita e di gioventù siano a buon punto, sono necessari ulteriori sforzi.

Ultima modifica: 20.12.2011

Vedi anche

  • Il sito della direzione generale Allargamento, strategia di allargamento e relazioni sui progressi compiuti 2011 (DE) (EN) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina