RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Indirizzi di massima per le politiche economiche (2008-2010)

Archivi

Il potenziale di stabilità e di crescita economica dell’Unione europea (UE) deve essere sostenuto dall’istituzione di adeguate politiche nazionali. Il Consiglio raccomanda agli Stati membri di orientare le proprie politiche macroeconomiche * e microeconomiche * tenendo conto delle trasformazioni della società europea e delle fluttuazioni della congiuntura internazionale.

ATTO

Raccomandazione del Consiglio 2008/390/CE del 14 maggio 2008 relativa agli indirizzi di massima per le politiche economiche degli Stati membri e della Comunità (2008-2010) [Gazzetta ufficiale L 137 del 27.5.2008].

SINTESI

La raccomandazione sugli indirizzi di massima per le politiche economiche (GOPE) delinea il contesto di coordinamento delle politiche degli Stati membri dell’Unione europea (UE).

Politiche macroeconomiche per la crescita e l’occupazione

Il rispetto degli indirizzi di massima da 1 a 5 deve contribuire a:

  • assicurare la stabilità economica ai fini di una crescita sostenibile,esortando gli Stati membri a garantire l’evoluzione delle loro finanze pubbliche in linea con il Patto di stabilità e di crescita (PSC) assicurandosi che in caso di deficit della bilancia commerciale, essi avviino le riforme strutturali e le politiche fiscali atte ad incoraggiare la competitività dei propri mercati;
  • rafforzare la sostenibilità economica e delle finanze pubbliche, nel quadro dell'invecchiamento della popolazione europea. Gli Stati membri devono avviare una riduzione piuttosto rapida del debito pubblico, migliorare l’efficienza del proprio regime pensionistico, di sicurezza sociale e di assistenza sanitaria. Devono incoraggiare la partecipazione dei lavoratori al mercato del lavoro per una maggiore durata;
  • migliorare l’efficienza delle finanze pubbliche, orientando le spese pubbliche in funzione degli obiettivi di crescita della strategia di Lisbona rinnovata e adottando provvedimenti fiscali che aumentino gli incentivi al lavoro e agli investimenti;
  • garantire che l'evoluzione salariale sostenga la crescita economica e la stabilità, promuovendo la creazione di adeguate condizioni quadro per i sistemi di trattative salariali. Infatti il costo del lavoro deve favorire la stabilità dei prezzi e contribuire alla produttività;
  • coordinare le politiche macroeconomiche, strutturali e occupazionali,al fine di rafforzare la capacità di adattamento dei mercati dei prodotti e del lavoro all’interno dell’economia globalizzata, conformemente al principio diflessicurezza.

L’indirizzo di massima 6 raccomanda agli Stati della zona euro un migliore coordinamento delle loro politiche economiche e di bilancio, per contribuire ad una zona euro dinamica e ben funzionante. Gli Stati membri devono rivolgere particolare attenzione alla sostenibilità di bilancio nel rispetto del patto di stabilità e di crescita, e accelerare le riforme strutturali finalizzate alla produttività, alla competitività e alla capacità di adattamento economico. La zona euro deve inoltre rafforzare la propria influenza e competitività sul piano internazionale.

Riforme microeconomiche volte ad aumentare il potenziale di crescita dell’Europa

Conformemente alla strategia di Lisbona, gli indirizzi di massima da 7 a 11 sottolineano l’importanza della conoscenza e dell’innovazione come fattori di competitività, di crescita e di sviluppo sostenibile. Gli Stati membri e la Comunità dovrebbero perseguire un approccio integrato alle politiche in materia di clima e di energia. L’obiettivo è quello di intensificare la sicurezza di approvvigionamento, la disponibilità di energia poco costosa e la lotta contro i mutamenti climatici.

Le misure adottate dagli Stati membri devono permettere di:

  • stimolare l’investimento nella R&S, in particolare da parte delle imprese con un obiettivo generale del 3 % del PIL europeo entro il 2010, sviluppando tra l'altro i partenariati pubblico-privati, rafforzando i centri di eccellenza degli istituti d’istruzione e di ricerca nazionali e il trasferimento delle tecnologie tra istituti pubblici di ricerca e imprese;
  • favorire l’innovazione in tutte le sue forme, attraverso l’implementazione di servizi di sostegno, il ricorso agli appalti pubblici, l’accesso ai finanziamenti nazionali e internazionali e la tutela dei diritti di proprietà intellettuale. I poli d’innovazione locali e regionali devono contribuire alla convergenza tecnologica dei territori europei;
  • accelerare la diffusione e l’uso generalizzato delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC), favorendo soprattutto la messa in servizio, la potenza e l’interoperabilità delle reti informatiche;
  • rafforzare la base industriale europea,grazie ad un approccio che consolidi l’attitudine a riorientare le proprie attività verso settori di maggiore produttività;
  • impiegare le risorse in maniera sostenibilee creare sinergie tra produzione, ambiente e crescita. Ciò implica che gli Stati membri dovrebbero attribuire la priorità all’efficienza energetica e alla lotta contro i mutamenti climatici.

L’Unione europea (UE) deve potenziare la sua attrattività nei confronti degli investitori e dei viaggiatori stranieri. Gli indirizzi di massima da 12 a 16 raccomandano di:

  • sviluppare e approfondire il mercato interno, sopprimendo gli ultimi ostacoli che si frappongono alle attività transfrontaliere nell’UE, comprese quelle delmercato dei servizie degli appalti pubblici;
  • assicurare l’apertura e la competitività dei mercati,grazie ad una più efficace applicazione della politica della concorrenza, anche nelle industrie di rete. Gli aiuti di Stato devono essere orientati a favore di obiettivi orizzontali come la ricerca, l’innovazione e l’ottimizzazione del capitale umano;
  • migliorare le normativeeuropee e nazionali in funzione del loro impatto nel settore economico, sociale, ambientale e in materia di competitività delle imprese. Gli oneri amministrativi che pesano sulle imprese devono essere ridotti;
  • incoraggiare lo spirito imprenditoriale e creare un ambiente favorevole alle PMI,soprattutto per quanto riguarda la loro creazione, il trasferimento di proprietà e il loro accesso ai finanziamenti;
  • estendere, collegare e ammodernare le infrastrutture europee per una migliore integrazione dei mercati. Gli Stati membri devono attribuire la priorità alle reti transeuropee(TEN).
Termini chiave dell’atto
  • Politiche macroeconomiche: questo termine comprende le politiche che dovranno influenzare i fattori economici “su vasta scala”, come il livello dei prezzi, la disoccupazione, il potenziale di crescita, il prodotto interno lordo, ecc.
  • Politiche microeconomiche: questo termine comprende le politiche destinate ad orientare le decisioni di natura economica, ad esempio delle persone fisiche o giuridiche.

ATTI COLLEGATI

Raccomandazione 2009/531/CE del Consiglio, del 25 giugno 2009, sull’aggiornamento nel 2009 degli indirizzi di massima per le politiche economiche degli Stati membri e della Comunità e sull’attuazione delle politiche per l’occupazione degli Stati membri [GU L 183 del 15.7.2009].
Il Consiglio rivolge una serie di raccomandazioni agli Stati membri affinché tengano conto della revisione 2009 degli orientamenti integrati per la crescita e l’occupazione. Tali raccomandazioni sono specificatamente adattate alla situazione di ciascuno Stato. Sono state delineate nel contesto del rallentamento dell'attività economica e della crescita dell'occupazione causato dalla crisi finanziaria internazionale.

Gli Stati membri devono adeguare i loro programmi nazionali di riforma e rendere conto di questi adeguamenti nelle loro relazioni annuali sull'attuazione dei programmi.

Tali raccomandazioni si inseriscono nel quadro del secondo ciclo (2008 - 2010) della strategia di Lisbona per la crescita e l'occupazione e sono state adottate in uno strumento unico. Tale strumento è destinato alla revisione degli indirizzi di massima per le politiche economiche e degli orientamenti per l'occupazione.

Ultima modifica: 19.11.2009

Vedi anche

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina