RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


La Banca centrale europea (BCE)

La Banca centrale europea (BCE) è stata istituita il 1º giugno 1998. È dotata di personalità giuridica e gode di un'indipendenza assoluta rispetto alle istituzioni nazionali ed europee. La BCE garantisce il corretto funzionamento dell'unione economica e monetaria, provvedendo alla direzione del Sistema europeo di banche centrali (SEBC). L'obiettivo principale è il mantenimento della stabilità dei prezzi, mediante la definizione della politica monetaria dell’Unione.

ATTO

Protocollo sullo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea, allegato al trattato sull’Unione europea e al trattato sul funzionamento dell’Unione europea [Gazzetta ufficiale C 83 del 30.3.2010].

SINTESI

Il presente protocollo definisce le responsabilità che competono agli organi decisionali della Banca centrale europea (BCE) che dirige il Sistema europeo di banche centrali (SEBC). Il protocollo chiarisce altresì gli obiettivi e i compiti del SEBC. Si tratta di un protocollo allegato al trattato sull’Unione europea (UE) e al trattato sul funzionamento dell’UE che costituisce la base giuridica della BCE nonché del SEBC.

Il Sistema europeo di banche centrali (SEBC)

Il SEBC è composto dalla Banca centrale europea e delle banche centrali degli Stati membri. Il suo obiettivo principale è il mantenimento della stabilità dei prezzi all’interno dell’UE. A tal fine, i compiti fondamentali assolti dal SEBC sono:

  • definire e attuare la politica monetaria dell’Unione;
  • svolgere le operazioni sui cambi dell’euro nei confronti delle valute nazionali;
  • detenere e gestire le riserve ufficiali in valuta estera degli Stati membri;
  • promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento.

Inoltre, il SEBC è governato dagli organi decisionali della BCE. La BCE è quindi incaricata di assolvere attraverso le sue attività i compiti del SEBC. Le banche centrali nazionali degli Stati membri fanno anch’esse parte integrante del SEBC e agiscono conformemente agli orientamenti e alle istruzioni della BCE.

Si ricorda che il SEBC è composto dalla BCE e dalle banche centrali di tutti gli Stati membri, indipendentemente dal fatto che essi abbiano adottato l'euro o meno. Per contro, il protocollo fa anche riferimento all'Eurosistema che si compone della BCE e delle banche centrali dei soli Stati membri che hanno adottato l'euro. L'Eurosistema ha quindi il compito di definire e di condurre la politica monetaria dell'area dell'euro.

La Banca centrale europea (BCE)

La BCE è governata da tre organi:

  • il consiglio direttivo: il consiglio direttivo è composto dai membri del comitato esecutivo e dai governatori delle banche centrali nazionali degli Stati membri che hanno adottato l'euro. Il consiglio direttivo è il principale organo decisionale della BCE e ha il compito di approvare gli orientamenti e le decisioni necessari all'assolvimento dei compiti della BCE. Obiettivo primario dell'organo è definire la politica monetaria della zona dell'euro. A tal fine, il consiglio direttivo è autorizzato, ad esempio, a fissare il tasso d'interesse al quale le banche commerciali possono ottenere prestiti presso la rispettiva banca centrale.
  • il comitato esecutivo: il comitato esecutivo comprende il presidente e il vicepresidente della BCE, e quattro ulteriori membri. I membri del comitato direttivo sono nominati dal Consiglio europeo. Il comitato esecutivo attua la politica monetaria definita dal consiglio direttivo. A tal fine, impartisce le necessarie istruzioni alle banche centrali nazionali. Il comitato esecutivo prepara inoltre le riunioni del consiglio direttivo e si occupa della gestione degli affari correnti della BCE.
  • il consiglio generale: il consiglio generale è composto dal presidente e dal vicepresidente della BCE e dai governatori delle banche centrali dell'insieme degli Stati membri dell'Unione. Il consiglio generale riunisce, pertanto, i governatori delle banche centrali degli Stati membri della "zona euro" e di quelli che ancora non hanno adottato la moneta unica. Il consiglio generale è considerato il terzo organo decisionale della BCE anche se il suo potere decisionale è più limitato. I suoi compiti sono concorrere all’adempimento delle funzioni consultive della BCE, raccogliere informazioni statistiche, compilare i rapporti della BCE, ecc.

Competenze della BCE

La BCE ha come funzione principale quella di assicurare i compiti attribuiti al SEBC. Essa opera di concerto con le banche centrali nazionali degli Stati membri. Tuttavia, è la BCE che approva le condizioni alle quali le banche centrali nazionali sono autorizzate a intervenire.

Pertanto, nel quadro del SEBC, le funzioni monetarie della BCE e delle banche centrali nazionali comprendono in particolare:

  • l’emissione di banconote e monete: la BCE ha il diritto esclusivo di autorizzare l'emissione di banconote nella "zona euro". Gli Stati membri possono emettere monete, ma la BCE deve autorizzarne previamente i quantitativi;
  • l’apertura di conti presso la BCE e le banche centrali nazionali intestati a enti creditizi, organismi pubblici e altri operatori del mercato;
  • le operazioni di mercato aperto, ossia quando la BCE o le banche centrali nazionali operano sui mercati finanziari, ad esempio prestando o ricevendo in prestito crediti;
  • le operazioni di credito con istituti di credito o altri operatori di mercato;
  • l’imposizione agli istituti di credito stabiliti negli Stati membri di costituire riserve obbligatorie minime presso la BCE o le banche centrali nazionali;
  • l’approvazione di regolamenti per assicurare sistemi di pagamento e di compensazione efficienti e affidabili;
  • le relazioni internazionali con le banche centrali e gli istituti di credito dei paesi terzi e delle organizzazioni internazionali.

Disposizioni finanziarie e disposizioni generali

Il protocollo contempla una serie di disposizioni finanziarie relative al SEBC. Si tratta ad esempio di disposizioni relative ai conti annuali, alla revisione dei conti, al capitale della BCE, alla ponderazione ai fini della sottoscrizione del capitale, nonché ai trasferimenti alla BCE di attività di riserva in valuta, ecc.

La BCE ha inoltre la facoltà di stabilire regolamenti (direttamente applicabili nell'ambito di tutti gli Stati membri), o prendere decisioni (obbligatorie per il destinatario) necessarie al corretto adempimento delle missioni definite nell'ambito del presente protocollo. Può inoltre emettere raccomandazioni e pareri (non vincolanti da un punto di vista giuridico).

La Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) garantisce il controllo giuridico degli atti od omissioni della BCE. A livello nazionale, i tribunali degli Stati membri sono competenti ai fini della composizione delle controversie tra la BCE e i relativi creditori, debitori o qualsivoglia persona terza, salvo nei casi in cui la giurisdizione sia attribuita alla CGUE. La BCE è soggetta al regime di responsabilità di cui all'articolo 340 del trattato sul funzionamento dell’UE. Infine, la BCE gode, nel territorio degli Stati membri, dei privilegi e delle immunità necessari ai fini dell'adempimento delle proprie missioni, conformemente alle condizioni di cui al protocollo sui privilegi e le immunità dell'Unione europea.

La sede della BCE è stata fissata di comune accordo dai capi di Stato e di governo degli Stati membri a Francoforte (Germania).

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Protocollo n. 4 sullo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea

-

-

Gazzetta ufficiale C 83 del 30.3.2010

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso a interpretare né sostituire il documento di riferimento, che costituisce l'unica base giuridica vincolante.

Ultima modifica: 07.01.2011

Vedi anche

Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina