RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Islanda - Economia e moneta

I paesi candidati conducono negoziati con l’Unione europea (UE) al fine di prepararsi all’adesione. Tali negoziati di adesione riguardano l’adozione e l’applicazione della legislazione europea (acquis) e specificatamente le priorità identificate congiuntamente dalla Commissione e dai paesi candidati, nel corso dello screening dell’acquis politico e legislativo dell’UE. Ogni anno la Commissione esamina i progressi compiuti dai candidati al fine di valutare gli sforzi ancora da effettuare fino alla loro adesione. Questo monitoraggio è oggetto di relazioni annuali presentate al Consiglio e al Parlamento europeo.

ATTO

Relazione della Commissione [COM(2011) 666 def. – SEC(2011) 1202 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

La relazione 2011 sottolinea che il livello di allineamento del paese con l'acquis dell'Unione europea (UE) è ancora incompleto in materia di politica economica e monetaria.

ACQUIS DELL’UNIONE EUROPEA (secondo i termini della Commissione)

La legislazione comunitaria in materia di politica economica e monetaria contiene norme specifiche che stabiliscono l'indipendenza delle banche centrali degli Stati membri, proibiscono i finanziamenti diretti del settore pubblico da parte di tali banche nonché l'accesso privilegiato degli enti pubblici alle istituzioni finanziarie. Al momento della loro adesione è previsto che i nuovi Stati membri coordinino le loro politiche economiche e rispettino le disposizioni contenute nel Patto di stabilità e di crescita in materia di sorveglianza di bilancio. Essi si impegnano inoltre a soddisfare i criteri stabiliti dal trattato per essere in grado di adottare l'euro. Fino alla data di adozione della moneta unica, i nuovi paesi parteciperanno all'unione economica e monetaria in qualità di Stati membri «con deroga» e considereranno la questione dei loro tassi di cambio come materia di interesse comune.

VALUTAZIONE (secondo i termini della Commissione)

Alcuni progressi sono stati compiuti dall'Islanda nel campo della politica economica, ma sono necessari ulteriori sforzi per migliorare il suo coordinamento con le politiche dell'UE. Nessun nuovo sviluppo è stato segnalato nel settore della politica monetaria, un settore nel quale l'allineamento deve essere completato anche per quanto riguarda l'indipendenza della Banca centrale e il divieto di finanziamento monetario del settore pubblico.

Il paese ha raggiunto un buon livello di allineamento rispetto alle norme finanziarie e di bilancio. Il paese ha continuato ad identificare le aree ancora da allineare. Vanno ultimati i preparativi legati alla capacità amministrativa e alla creazione di sistemi di risorse proprie. Una struttura di coordinamento deve essere formalmente istituita.

Ultima modifica: 12.10.2011

Vedi anche

  • Sito della direzione generale Allargamento, negoziati di adesione con l'Islanda (DE) (EN) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina