RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Fondo per la pace in Africa

L'Unione europea istituisce un finanziamento volto a potenziare la capacità dell'Unione africana di impegnarsi in operazioni di sostegno e di mantenimento della pace in Africa.

ATTO

Decisione 2003/3 [PDF ] del Consiglio dei ministri ACP-CE, dell'11 dicembre 2003, volta a destinare le risorse della dotazione per lo sviluppo a lungo termine del nono Fondo europeo di sviluppo alla creazione di un Fondo per la Pace in Africa.

SINTESI

La decisione di creare un fondo per il sostegno della pace in Africa fa seguito a un mandato affidato dal Consiglio, in occasione della sua sessione del 21 luglio 2003, in risposta a una domanda formulata dal Vertice dell'Unione Africana (UA) riunito a Maputo dal 4 al 12 luglio 2003.

L'Unione europea ha fornito al nuovo Fondo per la Pace in Africa (EN) (FR) un importo iniziale di 250 milioni di euro per un periodo di 3 anni.

I 250 milioni di euro provenivano dal Fondo europeo di sviluppo (FES) a titolo dell' Accordo di Cotonou. 126,4 milioni di euro provenivano dal contributo dell'1,5 % di ciascun paese africano nell'ambito della dotazione ad essi assegnata. I restanti 123,6 milioni di euro erano prelevati dalle risorse non assegnate (riserve) del 9° FES.

Il Consiglio dell'11 aprile 2006 ha deciso di prorogare tale iniziativa per il periodo 2008-2010 attraverso un finanziamento di 300 milioni di euro nel quadro del programma indicativo intra-ACP del 10° FES.

L'importo può essere impiegato per finanziare i costi che devono sostenere i paesi africani per lo spiegamento delle forze di mantenimento della pace in uno o più altri paesi africani (spese di trasporto delle truppe, spese di soggiorno dei soldati, sviluppo delle capacità, ecc.), ma non potranno in alcun caso essere utilizzati per le spese militari e gli armamenti.

Il Fondo per la Pace in Africa si basa sul principio della partecipazione africana e sostiene le operazioni di mantenimento della pace effettuate dai paesi africani in Africa nonché il potenziamento delle capacità della nascente struttura di sicurezza dell'UA. Le operazioni saranno avviate e realizzate dalle organizzazioni dell'UA e/o dalle organizzazioni subregionali. L'UA dovrà svolgere un ruolo chiave nel processo decisionale riguardante le operazioni.

La missione dell'UA nel Darfur (Sudan) (AMIS) è la prima ad aver ricevuto un finanziamento a titolo del Fondo per la Pace in Africa, deciso nel giugno 2004, dell'importo di 12 milioni di euro.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Data limite di trasposizione negli Stati membri Gazzetta ufficiale
Decisione 2003/3 11.12.2003 - GU L 345 del 31.12.2003

ATTI COLLEGATI

Decisione n° 2007/2 del Consiglio dei ministri ACP-CE, del 25 maggio 2007, intesa a consentire contributi bilaterali aggiuntivi, gestiti dalla Commissione, per la realizzazione degli obiettivi del Fondo per la pace in Africa [Gazzetta L 175 del 05.07.2007].

Regolamento (CE) n. 617/2007 del Consiglio, del 14 maggio 2007, relativo all'applicazione del 10° Fondo europeo di sviluppo nell'ambito dell'accordo di partenariato ACP-CE - [Gazzetta L 152 del 13.06.2007].

Ultima modifica: 10.08.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina