RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Verso un partenariato Africa-UE rinnovato

Il partenariato Africa-UE deve evolversi per sostenere la crescita sostenibile e inclusiva del continente africano. In prospettiva del terzo vertice UE-Africa del 2010, la Commissione presenta quindi gli elementi atti ad orientare le priorità di cooperazione dei partner.

ATTO

Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio, del 10 novembre 2010, sul consolidamento delle relazioni UE-Africa - «1,5 miliardi di persone, 80 paesi, due continenti, un futuro» [COM(2010) 634 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Le priorità del partenariato Africa-UE devono essere adeguate alle nuove sfide del prossimo decennio. Il rafforzamento delle relazioni tra l'Africa e l'Unione europea (UE) deve in particolare favorire la crescita sostenibile e inclusiva del continente africano.

Occuparsi insieme delle sfide comuni

I partner condividono obiettivi ed interessi comuni quali:

  • la realizzazione degli obiettivi di sviluppo del millennio (OSM), per cui dovranno appoggiarsi alle iniziative avviate dai paesi africani e prestare particolare attenzione ai paesi più fragili e ai gruppi di popolazione più vulnerabili;
  • il processo di pace e di sicurezza, il cui monitoraggio andrà fatto soprattutto in seno all'Unione africana e all'ONU, e grazie al sostegno dei meccanismi regionali di prevenzione dei conflitti;
  • la promozione della governance, della democrazia, dello Stato di diritto e dei diritti umani, appoggiandosi soprattutto sulla società civile e sul settore privato;
  • la promozione di interessi condivisi a livello internazionale e il rafforzamento del ruolo dell'Africa nelle organizzazioni internazionali;
  • la lotta contro il cambiamento climatico e il degrado ambientale, nonché la gestione sostenibile delle risorse naturali e la riduzione dei rischi di calamità.

Una visione proiettata verso il futuro

Nel prossimo decennio, la cooperazione e gli investimenti dovranno contribuire ad instaurare una crescita inclusiva, favorendo la cooperazione in materia di:

  • coesione sociale, estendendo la copertura dei sistemi di protezione sociale e potenziando la governance del mercato del lavoro;
  • sviluppo di servizi di base accessibili e affidabili, nonché di infrastrutture, in particolare nei settori dell'energia, delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, dell'acqua e dei trasporti;
  • competenze, innovazione e imprenditorialità, comprese l'istruzione e la formazione;
  • migrazione e mobilità, per garantire la migrazione legale collegata al mercato del lavoro, tenendo conto della situazione delle popolazioni vulnerabili (quali i rifugiati, i richiedenti asilo e i minori non accompagnati).

La cooperazione deve inoltre permettere di creare le condizioni per una crescita sostenibile, grazie a:

  • l'integrazione regionale, in quanto fattore di stabilità, di crescita e di sviluppo, ma anche grazie allo sviluppo di scambi commerciali e al miglioramento della governance economica;
  • la produzione e l'approvvigionamento sostenibile di materie prime, sostenendo le piccole e medie imprese (PMI) e rispettando l'ambiente;
  • l'aumento della produzione agricola, in particolare a favore dei piccoli proprietari terrieri, della produzione sostenibile ed ecologicamente efficace;
  • l'efficienza energetica e le energie sostenibili, stabilendo calendari di operazioni comuni, gli investimenti e le riforme fiscali.
Ultima modifica: 10.02.2011

Vedi anche

  • Sito Internet del partenariato Africa-UE, terzo vertice Africa-UE (EN) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina