RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Sistema di preferenze tariffarie generalizzate 2009-2011

Il sistema delle preferenze tariffarie generalizzate (SPG) dell'Unione europea offre ai paesi in via di sviluppo riduzioni dei dazi doganali per determinati prodotti importati nel mercato europeo. L'obiettivo di questa politica è aiutare i paesi beneficiari a integrarsi meglio nel commercio mondiale e contribuire così al loro sviluppo economico, nel rispetto dei diritti dell'uomo e dei principi dello sviluppo sostenibile.

ATTO

Regolamento (CE) n. 732/2008 del Consiglio, del 22 luglio 2008, relativo all’applicazione di un sistema di preferenze tariffarie generalizzate per il periodo dal 1º gennaio 2009 al 31 dicembre 2011 e che modifica i regolamenti (CE) n. 552/97 e (CE) n. 1933/2006 e i regolamenti della Commissione (CE) n. 1100/2006 e (CE) n. 964/2007.

SINTESI

Il sistema di preferenze tariffarie generalizzate (SPG) consiste in un regime generale concesso a tutti i paesi beneficiari e in due regimi speciali: un regime speciale di incentivazione per lo sviluppo sostenibile e il buon governo, e un regime speciale a favore dei paesi meno sviluppati (PMS).

I paesi beneficiari dei diversi regimi, e quelli per i quali le preferenze tariffarie sono state abolite, sono elencati nell'allegato I del regolamento. I prodotti coperti da questi tre regimi sono elencati nell'allegato II.

Regime generale

Nel quadro del regime generale, i dazi della tariffa doganale comune sono sospesi completamente per i prodotti considerati non sensibili elencati nell'allegato II, ad eccezione dei componenti agricoli. Per i prodotti considerati sensibili, i dazi ad valorem (calcolati proporzionalmente al valore del prodotto) della tariffa doganale comune sono ridotti di 3,5 punti percentuali. Per i prodotti e i tessuti, la riduzione è del 20 %. Il regolamento prevede inoltre disposizioni specifiche per i prodotti sensibili interessati dai dazi specifici della tariffa doganale comune.

Regime speciale di incentivazione per lo sviluppo sostenibile e il buon governo (SPG+)

Il regime speciale di incentivazione per lo sviluppo sostenibile e il buon governo può essere concesso ai paesi che:

  • hanno ratificato ed applicato le convenzioni di cui all'allegato III del regolamento (le convenzioni dell'ONU/OIL sui diritti umani e sul diritto del lavoro, e le convenzioni relative ai principi ambientali e di buon governo);
  • si impegnano a continuare l'applicazione delle convenzioni e accettano che l'applicazione sia soggetta a controlli periodici;
  • sono considerati paesi vulnerabili ai sensi del regolamento.

Nell'ambito del regime speciale di incentivazione per lo sviluppo sostenibile e il buon governo, sono sospesi i dazi ad valorem della tariffa doganale comune su tutti i prodotti elencati nell'allegato II. Sono altresì sospesi i dazi specifici, tranne quelli sui prodotti a cui si applicano dazi ad valorem.

I paesi che desiderano beneficiare del regime speciale devono farne richiesta presso la Commissione e fornire le informazioni relative alla ratifica delle convenzioni di cui all'allegato III. L'elenco dei paesi beneficiari è pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea. La Commissione deve giustificare la sua decisione qualora rifiuti di concedere il regime speciale a un paese.

Regime speciale a favore dei paesi meno sviluppati (PMS)

Il regime speciale a favore dei paesi meno sviluppati è concesso ai paesi che figurano nell'elenco dei paesi meno sviluppati (EN) (ES) (FR) delle Nazioni Unite.

I dazi della tariffa doganale comune sono totalmente aboliti per tutti i prodotti provenienti da tali paesi, tranne per le armi e le munizioni (regime EBA «Tutto tranne le armi»). Una riduzione dei dazi dell'80 % è concessa per il riso semigreggio (fino alla sua sospensione totale prevista per il 1º settembre 2009) e per lo zucchero bianco (fino alla sua sospensione totale prevista per il 1º ottobre 2009). Fino a quando i dazi della tariffa doganale comune non saranno totalmente sospesi, questi prodotti beneficiano di un contingente tariffario globale a dazio zero per ogni loro campagna di commercializzazione.

Revoca temporanea

I regimi preferenziali possono essere temporaneamente revocati nei seguenti casi:

  • violazione grave e sistematica delle convenzioni dell'ONU/OIL sui diritti umani e sul diritto del lavoro elencate nell'allegato III, parte A;
  • esportazione di prodotti realizzati nelle carceri;

  • gravi carenze dei controlli doganali in materia di esportazione o di transito di droga o inosservanza delle convenzioni internazionali in materia di riciclaggio del denaro;
  • pratiche commerciali sleali gravi e sistematiche;
  • violazione grave e sistematica delle norme relative alla pesca e alle risorse alieutiche;
  • frode, irregolarità o inosservanza delle norme sull'origine.

La revoca è soggetta al voto del Consiglio, che delibera a maggioranza qualificata, ed entra in vigore sei mesi dopo la data d'adozione.

Clausola di salvaguardia

La clausola di salvaguardia prevede la possibilità di ripristinare i diritti della tariffa doganale comune per i prodotti la cui importazione provoca o può provocare gravi difficoltà per i produttori europei di prodotti simili o direttamente concorrenti.

Contesto

Nel 1968, la Conferenza delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD) ha raccomandato l'attuazione di un sistema generalizzato di preferenze tariffarie nell'ambito del quale i paesi industrializzati avrebbero accordato delle preferenze commerciali a tutti i paesi in via di sviluppo. La Comunità europea è stata la prima ad attuare un SPG nel 1971. Il sistema delle preferenze tariffarie generalizzate 2009-2011 rientra nel quadro degli orientamenti definiti per il periodo 2006-2015 e fa seguito al SPG 2006-2008.

RIFERIMENTI

Atto Data di entrata in vigore Data limite di trasposizione negli Stati membri Gazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 732/2008

26.8.2008

-

L 211 del 6.8.2008,

 pag. 1

Le modifiche e correzioni successive al regolamento (CE) n. 732/2008 sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata  ha solo valore documentale.

Ultima modifica: 20.11.2008
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina