RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Ruolo dell'Unione europea nel sistema multilaterale delle Nazioni Unite

L'impegno per la governance globale multilaterale * è al centro dell'azione esterna dell'Unione europea (UE).

In effetti, l'UE sta sviluppando relazioni e partenariati con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali, regionali o mondiali che condividono i suoi principi e valori. Promuove la risoluzione multilaterale dei problemi globali, in particolare nel contesto delle Nazioni Unite (ONU) (articolo 21 del trattato UE).

È così che l’UE contribuisce a rafforzare l'efficacia del sistema multilaterale e alla riforma del sistema di governance delle Nazioni Unite *, per una società internazionale più forte, basata sul buon funzionamento delle istituzioni internazionali e sul rispetto del diritto.

Inoltre, la strategia europea in materia di sicurezza mette in evidenza il ruolo fondamentale della Carta delle Nazioni Unite (EN) (ES) (FR), quale quadro delle relazioni internazionali, e il ruolo fondamentale del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite nel mantenimento della pace e della sicurezza nel mondo.

Partecipazione dell'Unione europea al sistema delle Nazioni Unite

L'Unione europea ha lo status di membro osservatore presso le Nazioni Unite dal 1974. Tuttavia, dopo l'entrata in vigore del trattato di Lisbona, l'Unione europea ha assunto personalità giuridica ed una capacità unica di rappresentare gli Stati membri presso le Nazioni Unite (risoluzione 665/276 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite). Questa funzione di rappresentanza è svolta dal presidente del Consiglio europeo, dall'Alto Rappresentante dell'Unione, dalla Commissione e dalle delegazioni dell'Unione europea.

Inoltre, l'Unione europea ricopre un ruolo fondamentale nell'elaborazione, nell'adozione e nell'attuazione degli impegni multilaterali dei suoi paesi partner.

Infine, il partenariato tra l'Unione europea e le Nazioni Unite si basa su una cooperazione politica e operativa per la realizzazione di programmi e progetti comuni. A tale proposito, il contributo finanziario complessivo dell'Unione europea e dei suoi Stati membri è una delle fonti principali del bilancio delle Nazioni Unite.

Le principali aree di cooperazione sono:

  • il mantenimento della pace e della sicurezza nel mondo, attraverso una partnership completa impegnata nella prevenzione dei conflitti così come nella ricostruzione e nel consolidamento della pace. Il contributo comunitario è espresso in termini di risorse umane e finanziarie. Inoltre, la politica estera e di sicurezza comune (PESC) dell'Unione europea consente un aumento della cooperazione civile e militare. Questo partenariato si estende alla riforma del settore della sicurezza, alla capacità di mediazione e di gestione dei conflitti, alla lotta contro il traffico illecito di armi leggere e munizioni, alla promozione del ruolo delle donne nel processo di pace;
  • la promozione dei diritti umani, della parità fra i sessi e della democrazia, difendendo gli standard e i meccanismi volti a proteggere i diritti umani, all'interno delle Nazioni Unite e attraverso azioni di cooperazione bilaterale. Si tratta, in particolare, di azioni riguardanti i diritti dei minori e delle donne, l'assistenza elettorale, il rafforzamento dei parlamenti, dei sistemi giudiziari e della società civile;
  • lo sviluppo umano, economico e sociale, attraverso il coordinamento degli aiuti allo sviluppo e degli aiuti umanitari. La lotta contro la povertà e il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio (OSM) rappresentano gli obiettivi prioritari della cooperazione, anche attraverso le agenzie, i fondi e i programmi tematici delle Nazioni Unite;
  • la tutela dell'ambiente e la lotta contro il cambiamento climatico, in particolare per l'adozione di accordi e convenzioni internazionali e per la riforma della governance ambientale internazionale;
  • gli aiuti umanitari e alimentari, anche attraverso il mandato speciale delle Nazioni Unite (EN) (ES) (FR) e gli aiuti dell'Unione europea, che rappresenta il principale finanziatore delle operazioni in cui è coinvolta nel mondo. I partner sono inoltre impegnati nella gestione dei rischi, nella valutazione dei bisogni dei paesi terzi e nella riforma umanitaria;
  • la lotta contro le minacce internazionali e regionali alla sicurezza quali il terrorismo, la proliferazione delle armi di piccolo calibro e delle armi leggere, della criminalità organizzata, del traffico di droga e del riciclaggio di denaro.
Termini chiave
  • Governance multilaterale: struttura organizzativa delle relazioni internazionali, che coinvolgono più di due Stati.
  • Sistema di governance delle Nazioni Unite: concetto definito dalla Commissione come applicabile agli organi principali delle Nazioni Unite (tra cui l'Assemblea Generale, il Consiglio Economico e Sociale ed i rispettivi organi sussidiari, il Consiglio di Sicurezza, il Segretariato), nonché ai programmi, ai fondi e alle agenzie specializzate delle Nazioni Unite, comprese le istituzioni di Bretton Woods (in particolare, la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale).
Ultima modifica: 22.09.2011

Vedi anche

  • Il sito Internet dell'Unione europea alle Nazioni Unite (EN) (ES) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina