RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Additivi alimentari

Il presente regolamento sostituisce le direttive e le decisioni precedenti concernenti gli additivi di cui è autorizzato l'uso negli alimenti. Il suo obiettivo è armonizzare l'uso degli additivi alimentari negli alimenti o in altri additivi o enzimi alimentari nella Comunità. Il nuovo regolamento semplifica la procedura di autorizzazione degli additivi alimentari e consente alla Commissione di aggiornare e completare l'elenco comunitario di additivi alimentari.

ATTO

Regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativo agli additivi alimentari.

SINTESI

Il regolamento raggruppa in un solo atto legislativo tutti i tipi di additivi alimentari *, ivi inclusi i coloranti e gli edulcoranti. Gli enzimi alimentari sono disciplinati dal regolamento (CE) n. 1332/2008.

Il regolamento stabilisce le norme relative agli additivi alimentari utilizzati negli alimenti, al fine di assicurare un efficace funzionamento del mercato interno garantendo al contempo un elevato livello di tutela della salute umana e di protezione dei consumatori, comprese la tutela dei loro interessi e le prassi leali nel commercio degli alimenti.

Un additivo alimentare può essere autorizzato soltanto se non pone problemi di sicurezza per la salute dei consumatori, se esiste una necessità tecnica che non può essere soddisfatta con altri mezzi economicamente e tecnologicamente praticabili e se il suo impiego non induce in errore i consumatori.

Il presente regolamento non si applica alle seguenti sostanze, se non nel caso in cui siano anche utilizzate come additivi alimentari: coadiuvanti tecnologici, sostanze utilizzate per la protezione delle piante e dei prodotti vegetali, sostanze aggiunte ad alimenti come nutrienti, sostanze utilizzate per il trattamento dell'acqua, aromi, enzimi.

Elenchi comunitari degli additivi alimentari

L’allegato I definisce le varie categorie funzionali di additivi alimentari: gli edulcoranti, i coloranti, i conservanti, gli antiossidanti, i supporti, gli acidificanti, i regolatori dell'acidità, gli antiagglomeranti, gli agenti antischiumogeni, gli agenti di carica, ecc.

Gli additivi sono raggruppati in un elenco comunitario degli additivi autorizzati che ne precisa le condizioni d'uso (allegato II).

Il presente regolamento crea inoltre un elenco degli additivi alimentari il cui uso è autorizzato in altri additivi e negli enzimi alimentari, con le condizioni del loro uso (allegato III).

Prima di incorporare tutti gli additivi alimentari negli elenchi di cui agli allegati II e III del presente regolamento, la Commissione deve esaminare tutte le autorizzazioni esistenti in base a criteri quali la quantità consumata, la necessità tecnologica e l'eventualità che i consumatori siano indotti in errore. In attesa dell'elaborazione di tali elenchi, gli allegati delle direttive 94/35/CE, 94/36/CE e 95/2/CE vengono regolarmente aggiornati e restano in vigore.

Se un additivo alimentare già incluso in un elenco comunitario subisce un cambiamento significativo per quanto riguarda il suo metodo di produzione o le materie prime utilizzate, l'additivo alimentare preparato con tali nuovi metodi o materie prime va considerato un additivo diverso. Prima di essere immesso sul mercato, tale nuovo additivo sarà esaminato dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) che effettuerà una valutazione dei rischi per la salute.

Etichettatura

L’etichettatura degli additivi alimentari deve rispettare le condizioni generali di etichettatura previsti dalla direttiva 2000/13/CE e deve riportare, in particolare, dati che consentano di identificare l'additivo alimentare (denominazione, lotto, produttore, ecc.).

Procedura uniforme di autorizzazione e valutazione dei rischi

La valutazione dei rischi e l'autorizzazione degli additivi alimentari sono integrate in una procedura uniforme di autorizzazione per gli additivi, gli enzimi e gli aromi alimentari, istituita dal regolamento (CE) n. 1331/2008.

Nuova valutazione

La Commissione riesamina tutti gli additivi già autorizzati con l'aiuto del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali.

Parallelamente, tutti gli additivi alimentari autorizzati anteriormente al 20 gennaio 2009 sono sottoposti a una nuova valutazione realizzata dall’EFSA. Previa consultazione dell'Autorità, la Commissione elaborerà un programma di valutazione entro il 20 gennaio 2010 al fine di definire le necessità e l'ordine di priorità in materia di valutazione dei rischi.

Periodo transitorio

Il presente regolamento si applica a decorrere dal 20 gennaio 2010.

Tuttavia, le nuove valutazioni dell'elenco comunitario degli additivi alimentari (allegato II) e dell'elenco degli additivi alimentari il cui uso è autorizzato negli additivi ed enzimi alimentari (allegato III) dovranno essere terminate entro il 1° gennaio 2011.

Contesto

Il presente regolamento si inserisce nel quadro di un'ampia riforma avviata dalla Commissione europea il 18 luglio 2006, volta a modernizzare la legislazione esistente in materia di additivi alimentari, aromi ed enzimi. Tale riforma ha portato all'elaborazione di una nuova legislazione basata sui regolamenti seguenti:

Termini chiave dell'atto
  • Additivo alimentare: qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti, con o senza valore nutritivo, la cui aggiunta intenzionale ad alimenti per uno scopo tecnologico nella fabbricazione, nella trasformazione, nella preparazione, nel trattamento, nell'imballaggio, nel trasporto o nel magazzinaggio degli stessi, abbia o possa presumibilmente avere per effetto che la sostanza o i suoi sottoprodotti diventino, direttamente o indirettamente, componenti di tali alimenti.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Regolamento (CE) n. 1333/2008

20.1.2009

-

GU L 354 del 31.12.2008

Le successive modifiche e correzioni al regolamento (CE) n. 1333/2008 sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

ATTI COLLEGATI

Regolamento (UE) n. 257/2010 della Commissione, del 25 marzo 2010, che istituisce un programma relativo a una nuova valutazione degli additivi alimentari autorizzati conformemente al regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo agli additivi alimentari [Gazzetta ufficiale L 80 del 26.3.2010].

Direttiva 2008/60/CE della Commissione, del 17 giugno 2008, che stabilisce i requisiti di purezza specifici per gli edulcoranti per uso alimentare [Gazzetta ufficiale L 158 del 18.6.2008].
Vedi versione consolidata

Direttiva 2008/128/CE della Commissione, del 22 dicembre 2008, che stabilisce i requisiti di purezza specifici per le sostanze coloranti per uso alimentare [Gazzetta ufficiale L 6 del 10.1.2009].

Direttiva 2008/84/CE della Commissione, del 27 agosto 2008, che stabilisce i requisiti di purezza specifici per gli additivi alimentari diversi dai coloranti e dagli edulcoranti [Gazzetta ufficiale L 253 del 20.9.2008].
Vedi versione consolidata

Ultima modifica: 09.11.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina