RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Succhi di frutta e prodotti analoghi

La composizione dei succhi di frutta, così come le loro denominazioni, le loro caratteristiche di fabbricazione e la loro etichettatura sono soggette a norme specifiche.

ATTO

Direttiva 2001/112/CE del Consiglio, del 20 dicembre 2001, concernente i succhi di frutta e altri prodotti analoghi destinati all’alimentazione umana [Cfr. atti modificativi].

SINTESI

I succhi di frutta

La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti:

  • i succhi di frutta,
  • i succhi di frutta concentrati,
  • i succhi di frutta disidratati e
  • i nettari di frutta.

Tali prodotti sono definiti in base alla loro composizione e ai loro processi di preparazione, al fine di favorire un utilizzo commerciale corretto e non ingannevole delle loro denominazioni. La direttiva definisce inoltre alcune denominazioni particolari utilizzate in alcuni paesi e in alcune lingue.

L’etichettatura

I succhi di frutta vengono etichettati conformemente alle norme generali definite nella direttiva 2000/13/CE relativa ai prodotti alimentari. Tuttavia, la presente direttiva prevede disposizioni specifiche per una migliore informazione dei consumatori. Tali disposizioni prevedono l’aggiunta di una dicitura che indichi:

  • se un prodotto è un miscuglio di diversi tipi di frutta;
  • se un prodotto contiene sostanze edulcoranti;
  • se un prodotto è ottenuto interamente o parzialmente a partire da un prodotto concentrato.

Per i succhi di frutta concentrati, non destinati al consumatore finale, l’imballaggio deve riportare la quantità di zuccheri aggiunti o di succo di limone o di sostanze acidificanti.

La direttiva enumera le materie prime autorizzate per la fabbricazione dei succhi e nettari nonché gli additivi che possono essere autorizzati, salvo quanto stabilito dalla direttiva relativa all'etichettatura nutrizionale delle derrate alimentari.

I tenori minimi di succo e/o di purea di frutta nei nettari di frutta devono rispettare i livelli indicati nella presente direttiva e devono essere indicati sull’etichettatura del prodotto.

Contesto

Questa direttiva rientra in un quadro di semplificazione di alcune direttive verticali nel settore dei prodotti alimentari. Essa si applica ferme restando le disposizioni generali relative all’etichettatura dei prodotti alimentari.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 2001/112/CE

12.1.2002

11.7.2003

GU L 10 del 12.1.2002

Atto(i) modificatore(i)Entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 1182/2007

6.11.2007

-

GU L 273 del 17.10.2007

Direttiva 2009/106/CE

22.8.2009

1.1.2011

GU L 212 del 15.8.2009

Le modifiche e correzioni successive della direttiva 2001/112/CE sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

Ultima modifica: 05.01.2011
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina