RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Etichettatura nutrizionale (fino al 2014)

L’etichettatura nutrizionale è armonizzata in tutta l’Unione europea. Essa è facoltativa, tuttavia diviene obbligatoria quando un’indicazione nutrizionale figura sull’etichetta o in una pubblicità.

ATTO

Direttiva 90/496/CEE del Consiglio, del 24 settembre 1990, relativa all'etichettatura nutrizionale delle derrate alimentari [Cfr atto(i) modificatore(i)].

SINTESI

La presente direttiva riguarda l'etichettatura nutrizionale * dei prodotti alimentari destinati al consumatore finale e alle imprese di ristorazione collettiva (ristoranti, ospedali, mense, ecc.).

La direttiva non si applica alle acque minerali naturali, alle altre acque destinate al consumo umano, né agli integratori di regime/complementi alimentari.

L'etichettatura nutrizionale è facoltativa, tuttavia diviene obbligatoria allorquando un’ figura sull'etichetta, in una presentazione ovvero in una pubblicità.

Sono ammesse soltanto le informazioni nutrizionali inerenti al valore energetico e ai nutrienti (proteine, glucidi, lipidi, fibre alimentari, sodio, vitamine e minerali) di cui all’allegato della direttiva, nonché alle sostanze che appartengono a una delle categorie di tali nutrienti ovvero che ne sono componenti.

Le informazioni dell’etichettatura nutrizionale appartengono al gruppo 1 o al gruppo 2 secondo l’ordine seguente:

  • Gruppo 1:
    1. valore energetico,
    2. la quantità di proteine, di glucidi e di lipidi;
  • Gruppo 2:
    1. valore energetico,
    2. la quantità di proteine, di glucidi, di zuccheri, di lipidi, di acidi grassi saturi, di fibre alimentari e di sodio.

Allorquando l’indicazione nutrizionale riguarda gli zuccheri, gli acidi grassi saturi, le fibre alimentari o il sodio, le informazioni da fornire sono quelle del gruppo 2.

La dichiarazione del valore energetico e del tenore in nutrienti deve essere presentata sotto forma numerica con unità di misura specifiche. Le informazioni sono espresse per 100 g e 100 ml o per imballaggio. Quelle riguardanti le vitamine e i sali minerali devono inoltre essere espresse in percentuale dell'apporto giornaliero raccomandato (AGR) che può anche essere indicato sotto forma di grafico.

L’etichettatura nutrizionale può riguardare anche le quantità di amidi, di polioli, di acidi grassi monoinsaturi, di acidi grassi polinsaturi, di colesterolo e di sali minerali ovvero le vitamine indicate nell’allegato della direttiva.

Tutte queste informazioni devono essere raggruppate in un solo luogo ben visibile, scritte in caratteri leggibili e indelebili e in un linguaggio facilmente comprensibile per l'acquirente. Gli Stati membri si astengono dall'introdurre specificazioni più dettagliate di quelle già contenute nella presente direttiva per quanto riguarda l'etichettatura nutrizionale.

Per quanto riguarda i prodotti alimentari presentati alla vendita al consumatore finale e alle collettività senza essere confezionati o i prodotti alimentari confezionati nel luogo di vendita per essere venduti immediatamente, la portata delle informazioni di cui al punto 6 e le modalità secondo cui dette informazioni sono fornite possono essere stabilite mediante disposizioni nazionali, fino all'eventuale adozione di misure comunitarie in base alla procedura prevista dalla direttiva.

Comitologia

La Commissione si giova dell'assistenza del comitato permanente della catena alimentare e della salute animale.

Contesto

A decorrere dal 13 dicembre 2014, la presente direttiva è sostituita dal regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Tale regolamento fonde la presente direttiva e la direttiva 2000/13/CE concernente l’etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari nonché la relativa pubblicità.

I nuovi requisiti destinati a migliorare i livelli di informazione e di tutela dei consumatori europei prevedono l’obbligo di includere una dichiarazione nutrizionale nell’etichettatura dei prodotti alimentari. La dichiarazione nutrizionale deve riportare le seguenti diciture:

  • il valore energetico;
  • la quantità di determinati nutrienti che rientrano nella composizione, i lipidi, i grassi saturi, nonché una dicitura specifica per zucchero e sale.
Termini chiave dell'atto
  • Etichettatura nutrizionale: ogni informazione figurante sull’etichetta relativa al valore energetico e ai nutrienti seguenti: proteine, glucidi, lipidi, fibre alimentari, sodio, vitamine e sali minerali.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 90/496/CEE

1.10.1990

-

GU L 276 del 6.10.1990

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale

Direttiva 2003/120/CE

9.1.2004

31.7.2004

GU L 333 del 20.12.2003

Regolamento (CE) n. 1882/2003

20.11.2003

-

GU L 284 del 31.10.2003

Direttiva 2008/100/CE

28.10.2008

18.11.2008

GU L 285 del 29.10.2008

Regolamento (CE) n. 1137/2008

11.12.2008

-

GU L 311 del 21.11.2008

Le modifiche e correzioni successive della direttiva 90/496/CEE sono state integrate nel testo di base. Questa versione consolidata ha solo valore documentale.

Ultima modifica: 02.02.2012
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina