RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Estonia

Archivi

1) RIFERIMENTI

Parere della Commissione [COM(97) 2006 def. - Non pubblicato sulla Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(98) 705 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(1999) 504 def. Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2000) 704 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [SEC(2001) 1747 - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2002) 700 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2003) 675 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale]
Trattato di adesione dell'Unione europea [Gazzetta ufficiale L 236 del 23.09.2003]

2) SINTESI

Nel suo parere di luglio 1997, la Commissione europea riteneva che fossero stati compiuti notevoli progressi in Estonia in vista dell'allineamento all'acquis comunitario della legislazione in materia di protezione dei consumatori e che l'Estonia disponesse delle strutture e degli organi necessari per l'attuazione della politica dei consumatori. La conformità a medio termine con la politica comunitaria in tale materia non sembrava quindi causare sensibili difficoltà. La Commissione ricordava tuttavia la necessità di continuare la riforma della legislazione data la scarsa corrispondenza delle leggi vigenti all'acquis comunitario. Essa constatava del pari l'esistenza di alcuni diritti esclusivi o speciali non compatibili con l'acquis comunitario.
Nella relazione di novembre 1998 constatava che il ravvicinamento legislativo stava continuando in maniera soddisfacente. Risultava tuttavia necessario potenziare gli organi di protezione dei consumatori, nonché incoraggiare le organizzazioni di consumatori esistenti, che erano molto poco sviluppate.
Nella relazione di ottobre 1999 si metteva invece in evidenza il mancato compimento di progressi legislativi in questo settore, sottolineando come le organizzazioni dei consumatori restassero relativamente poco sviluppate.
Nella relazione di ottobre 2002, la Commissione constata che i negoziati sono stati provvisoriamente conclusi per questo capitolo e che l'Estonia non ha richiesto alcuna disposizione transitoria.
La relazione di ottobre 2003 segnala che l'Estonia si è conformata essenzialmente all'acquis comunitario per quanto riguarda i provvedimenti riguardanti la sicurezza (ad esempio, la sorveglianza del mercato), nonché i provvedimenti non riguardanti direttamente la sicurezza (ad esempio, organizzazioni di consumatori). Tuttavia l'Estonia deve ancora migliorare la sorveglianza del mercato e ultimare la trasposizione e l'attuazione della direttiva modificata sulla sicurezza generale dei prodotti.
Il trattato di adesione è stato firmato il 16 aprile 2003 e l'adesione ha avuto luogo il 1° maggio 2004.

"ACQUIS" COMUNITARIO

L'acquis comunitario regolamenta la protezione degli interessi economici dei consumatori (in particolare il controllo della pubblicità ingannevole, l'indicazione dei prezzi, i crediti al consumo, le clausole contrattuali abusive, le vendite a distanza, i viaggi "tutto compreso", le vendite televisive e la multiproprietà), la sicurezza generale dei prodotti, nonché i settori dei cosmetici, delle denominazioni dei prodotti tessili e dei giocattoli.

L'accordo europeo di associazione prevede l'armonizzazione della legislazione con il diritto comunitario e una cooperazione volta a rendere pienamente compatibili i regimi di protezione dei consumatori dell'Estonia e della Comunità europea. Le misure relative alla prima fase del Libro bianco sui paesi dell'Europa centrale e orientale e il mercato interno (1995) puntano al miglioramento della sicurezza dei prodotti, segnatamente dei cosmetici, dei prodotti tessili e dei giocattoli, nonché sulla protezione degli interessi economici dei consumatori, in particolare attraverso misure concernenti la pubblicità ingannevole, i crediti al consumo, le clausole contrattuali abusive e l'indicazione dei prezzi. Inoltre si dovrà tenere conto della nuova legislazione comunitaria di adozione recente (vendita a distanza) e prossima (pubblicità comparativa e indicazione dei prezzi). Le misure della seconda fase si incentrano sui circuiti "tutto compreso", sulle vendite televisive e sulle multiproprietà. Si dovrà inoltre tenere conto della nuova legislazione comunitaria adottata di recente (vendite a distanza, pubblicità comparativa e indicazione dei prezzi).

VALUTAZIONE

La situazione nel 2003 ha fatto registrare poche variazioni rispetto al 2002.

Sorveglianza del mercato (provvedimenti riguardanti la sicurezza)
È opportuno continuare nello svolgimento delle attività di sorveglianza del mercato e potenziare le capacità delle principali strutture messe in funzione.
Si tratta da un parte di aumentare il numero di ispettori partecipanti alle attività di sorveglianza del mercato e, dall'altra, di migliorare la capacità dei laboratori incaricati di controllare la sicurezza dei prodotti non alimentari.

Protezione dei consumatori (provvedimenti non riguardanti la sicurezza)
La legge sulla protezione dei consumatori deve ancora essere posta in conformità con l'acquis comunitario. Per quanto riguarda l'Ufficio di protezione dei consumatori, questo ha dimostrato di essere particolarmente efficace, tuttavia sarebbe necessario potenziarne le risorse umane e finanziarie.

Gli sforzi miranti a migliorare l'informazione e l'educazione dei consumatori avevano portato già nel 2002 alla messa in funzione di un servizio telefonico gratuito e al sostegno finanziario concesso dal governo all'Unione estone dei consumatori. Peraltro, l'efficacia del ruolo delle associazioni di consumatori nella promozione degli interessi dei consumatori stessi deve tuttavia essere ulteriormente migliorata, al fine di contribuire a una migliore sensibilizzazione in materia di sicurezza dei prodotti e di sicurezza alimentare. Infine, devono essere compiuti sforzi per potenziare le organizzazioni di consumatori che sono ancora poco sviluppate a causa soprattutto dell'insufficiente partecipazione di membri attivi.

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso ad interpretare né a sostituire il documento di riferimento.

 
Ultima modifica: 14.01.2004
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina