RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Gioco d’azzardo on line (libro verde)

Archivi

Nel 2008 i proventi generati dal gioco d'azzardo ammontavano a 75,9 miliardi di EUR. I giochi on line rappresentano il settore dei giochi d'azzardo dalla crescita più rapida. Questa crescita e lo sviluppo di Internet rendono meno facile il controllo di questi servizi che hanno un carattere transfrontaliero. I quadri giuridici nazionali variano notevolmente da un paese dell'UE all'altro, imponendo regole diverse in materia di rilascio delle licenze, servizi on line connessi, pagamenti, obiettivi d'interesse pubblico e lotta contro la frode. La Commissione ha pertanto deciso di avviare una consultazione per individuare le pratiche comuni in grado di facilitare la prestazione di servizi transfrontalieri. L'obiettivo è quello di raggiungere un mercato interno regolamentato del gioco d'azzardo on line.

ATTO

Libro verde della Commissione europea, del 24 marzo 2011, sul gioco d'azzardo on-line nel mercato interno [COM(2011) 128 def. - Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale].

SINTESI

Il presente libro verde si propone di avviare un dibattito sullo sviluppo del gioco d'azzardo on line nell'Unione europea (UE). Attualmente esistono due modelli nazionali che regolano il settore, e cioè:

  • un quadro strettamente regolamentato all'interno del quale lavorano operatori che forniscono servizi in concessione;
  • un monopolio strettamente controllato.

Tuttavia, l'emergere di grandi mercati on line illegali, «mercati neri» (mercati in cui gli operatori sono senza licenza) o «grigi», pone diverse sfide. Per tali ragioni la Commissione intende consultare le varie parti interessate per inquadrare meglio lo sviluppo di queste attività a livello cooperativo o transnazionale.

Definizione e legislazione vigente

I giochi d'azzardo rientrano nell'ambito di applicazione dell'articolo 56 del trattato sul funzionamento dell'UE (TFUE) e sono disciplinati dalle norme sulla prestazione dei servizi. Questo termine comprende un'ampia gamma di attività di servizi a cui le singole persone possono accedere direttamente mediante strumenti elettronici, come ad esempio:

  • le scommesse sportive on line;
  • i giochi da casinò;
  • i giochi multimediali;
  • i giochi promozionali;
  • i servizi di gioco d'azzardo gestiti da e a beneficio di associazioni di beneficenza e organizzazioni senza scopo di lucro riconosciute;
  • le lotterie.

Nel contesto dei giochi on line, sono utilizzati Internet e altre piattaforme tecnologiche (ad esempio i telefoni cellulari):

  • per offrire ai consumatori servizi di gioco d'azzardo;
  • per consentire ai consumatori di scommettere o di giocare contro gli altri consumatori (ad esempio scambi di scommesse o poker on line);
  • come tecnica di distribuzione (ad esempio per l'acquisto di biglietti della lotteria).

Comunicazioni commerciali utilizzate dai fornitori di servizi di giochi on line per promuovere i loro servizi e prodotti

Le principali comunicazioni commerciali per promuovere i servizi on line sono:

  • la pubblicità televisiva;
  • la pubblicità a mezzo stampa scritta;
  • le comunicazioni commerciali on line;
  • le promozioni commerciali (ad esempio le offerte premio);
  • il marketing diretto;
  • gli accordi di sponsorizzazione;
  • i banner on line e i pop-up presenti su siti che non sono siti di gioco.

Servizi di pagamento e di distribuzione delle vincite

In generale, gli operatori richiedono ai clienti di effettuare un deposito sul conto del giocatore prima di autorizzarli a giocare, tramite:

  • carta di credito;
  • portafoglio elettronico;
  • bonifico;
  • carta prepagata;
  • trasferimento di denaro contante.

Identificazione dei clienti

L'identificazione del cliente è necessaria per garantire la tutela dei minori, prevenire il riciclaggio di denaro e le frodi e gestire il rischio cliente secondo le regole del «know-your-customer», ovvero l'obbligo di conoscere i propri clienti. Tuttavia, l'assenza di riconoscimento reciproco dei servizi di identificazione in tutta l'UE è problematica.

Obiettivi di interesse pubblico

La Commissione individua tre obiettivi di interesse pubblico che possono essere validi per gli Stati membri in termini di politica nazionale in materia di gioco d'azzardo:

  • la tutela dei consumatori: per proteggere i giocatori dalle pratiche fraudolente e soprattutto i giocatori con problemi di dipendenza. Gli Stati membri possiedono già una serie di strumenti quali i limiti di età, il divieto del ricorso al credito o le restrizioni di determinate forme di gioco d'azzardo. La Commissione propone di riflettere sull’efficacia di tali strumenti per tutelare i consumatori;
  • l’ordine pubblico: gli Stati membri devono cercare di prevenire le frodi e le pratiche sleali nonché il riciclaggio di denaro. Per lottare contro questi fenomeni, la Commissione osserva l'applicazione di taluni tipi di misure, come il dovere di diligenza nei confronti del cliente, la verifica dei pagamenti e i controlli operativi;
  • il finanziamento di attività d'interesse pubblico: i metodi di distribuzione dei proventi del gioco d'azzardo variano sensibilmente da uno Stato membro all'altro. La Commissione intende esaminare più specificamente il sistema dei compensi a favore degli organizzatori di avvenimenti, così come il rischio di parassitismo nei sistemi di distribuzione dei proventi mediante la prestazione di servizi di gioco d'azzardo on line.

Blocco dei pagamenti e regimi di responsabilità

Gli Stati membri mostrano una grande disparità nel modo in cui gestiscono il rilascio delle licenze, nella regolamentazione e nella vigilanza dei giochi on line. Attraverso questo libro verde, la Commissione intende analizzare il ruolo reale degli organismi di regolamentazione degli Stati membri.

Le autorità del gioco d'azzardo hanno l'opportunità di collaborare con le parti in causa nazionali ed europee. La Commissione desidera rafforzare tale cooperazione.

In alcuni Stati membri sono previsti metodi di blocco, al fine di limitare i servizi di gioco d'azzardo on line illegali e transnazionali, attraverso:

  • il filtraggio del sistema dei nomi di dominio DNS (Domain Name System);
  • il blocco del protocollo Internet IP (Internet Protocol);
  • il blocco dei pagamenti in base al tipo di operatore secondo il Merchant Category Code (MCC).

La Commissione intende sviluppare strumenti che consentano questo tipo di processo su scala transnazionale, nonché altre pratiche.

Ultima modifica: 28.04.2011

Vedi anche

  • Direzione generale del Mercato interno e dei servizi, giochi d’azzardo (DE) (EN) (FR)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina