RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 5 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione

Le norme applicabili ai materiali elettrici a bassa tensione negli Stati membri continuano a rispondere a concezioni progettuali diverse che portano ad ostacolare la libera circolazione di questo genere di materiale. La presente direttiva mira a rafforzare l'armonizzazione dei requisiti di sicurezza che tali materiali devono soddisfare per poter circolare liberamente nel mercato interno.

ATTO

Direttiva 2006/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione (Versione codificata) (Testo rilevante ai fini del SEE).

SINTESI

La presente direttiva mira a garantire che i materiali elettrici possano essere immessi sul mercato solo se non compromettono, in caso di installazione e di manutenzione, la sicurezza delle persone, degli animali domestici e dei beni. Intende inoltre promuovere la loro libera circolazione all'interno dell'Unione europea.

Campo di applicazione

La presente direttiva si applica ai materiali elettrici destinati ad essere adoperati ad una tensione nominale compresa fra 50 e 1 000 volt in corrente alternata e fra 75 e 1 500 volt in corrente continua.

Non si applica ai:

  • materiali elettrici destinati ad essere usati in ambienti esposti a pericoli di esplosione;
  • materiali elettrici per radiologia e uso clinico;
  • parti elettriche di ascensori e montacarichi;
  • contatori elettrici;
  • prese di corrente (basi e spine) a uso domestico;
  • dispositivi d'alimentazione di recinti elettrici;
  • disturbi radioelettrici;
  • materiali elettrici speciali, destinati ad essere usati sulle navi o sugli aeromobili e per le ferrovie;
  • materiali elettrici destinati ad essere esportati verso paesi terzi.

Obiettivi di sicurezza

Il materiale elettrico può essere immesso sul mercato se rispetta gli obiettivi di sicurezza di cui all'allegato I della presente direttiva, che riguardano:

  • i requisiti generali di sicurezza applicabili ai materiali;
  • i pericoli che possono derivare dal materiale elettrico;
  • i pericoli dovuti all'influenza di fattori esterni sul materiale elettrico.

La libera circolazione del materiale elettrico non dovrebbe essere ostacolata se il materiale soddisfa gli obiettivi di sicurezza definiti nella direttiva. I produttori possono scegliere il modo in cui soddisfare gli obiettivi di sicurezza.

Presunzione di conformità

I materiali elettrici che sono conformi alle disposizioni delle norme armonizzate dovrebbero godere di una presunzione di conformità con gli obiettivi di sicurezza stabiliti dalla presente direttiva e dovrebbero poter circolare liberamente.

Le norme si considerano armonizzate quando, stabilite di comune accordo dagli organismi notificati dagli Stati membri, sono state pubblicate secondo le procedure nazionali. I loro riferimenti sono pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea.

Ove le norme non siano ancora state armonizzate, gli Stati membri adottano ogni misura opportuna affinché le autorità amministrative competenti considerino rispondente agli obiettivi di sicurezza della direttiva, il materiale elettrico conforme alle disposizioni in materia di sicurezza della Commissione internazionale delle regolamentazioni per l'approvazione degli impianti elettrici (CEE-el) o della Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC) (EN).

Ove non esistano ancora norme armonizzate o disposizioni in materia di sicurezza, gli Stati membri adottano ogni misura opportuna affinché le autorità amministrative competenti considerino del pari rispondente agli obiettivi di sicurezza della direttiva, il materiale elettrico costruito in conformità delle norme di sicurezza applicate nello Stato membro in cui è stato fabbricato.

Immissione sul mercato

Prima di immettere sul mercato il materiale elettrico:

  • il fabbricante o il suo mandatario stabilito nell'Unione europea deve apporre la marcatura CE sul prodotto e redigere una dichiarazione CE di conformità;
  • il fabbricante deve redigere la documentazione tecnica.

La dichiarazione CE di conformità deve comprendere i seguenti elementi:

  • nome e indirizzo del fabbricante o del suo mandatario stabilito nell'Unione europea;
  • descrizione del materiale elettrico;
  • riferimento alle norme armonizzate;
  • eventuale riferimento alle specifiche per le quali è dichiarata la conformità;
  • identificazione del firmatario che ha il potere di impegnare il fabbricante o il suo mandatario stabilito nell'Unione europea;
  • le ultime due cifre dell'anno in cui è stata apposta la marcatura CE.

Salvaguardia

Se per motivi di sicurezza uno Stato membro vieta l'immissione sul mercato od ostacola la libera circolazione di materiale elettrico, ne informa gli Stati membri interessati e la Commissione europea.

La direttiva codifica e abroga la direttiva 73/23/CEE.

RIFERIMENTO

AttoData di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Direttiva 2006/95/CE

16.1.2007

-

GU L374 del 27.12.2006

Ultima modifica: 27.01.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina