RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Nuovi prodotti e ingredienti alimentari

Le regole per l’autorizzazione di nuovi prodotti e ingredienti alimentari sono armonizzate a livello europeo. Prima di essere immessi sul mercato, questi prodotti devono risultare innocui per la salute e per l'ambiente nei controlli svolti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

ATTO

Regolamento (CE) n. 258/97 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 gennaio 1997, sui nuovi prodotti e i nuovi ingredienti alimentari [Cfr atti modificativi].

SINTESI

Il presente regolamento si applica ai nuovi prodotti o ingredienti non ancora utilizzati per il consumo umano.

I nuovi prodotti o ingredienti alimentari

Il regolamento si applica ai prodotti e agli ingredienti alimentari che rientrano in una delle seguenti categorie:

  • i prodotti e gli ingredienti alimentari che presentano una struttura molecolare primaria nuova o modificata;
  • i prodotti e gli ingredienti alimentari costituiti da microrganismi, funghi o alghe;
  • i prodotti e gli ingredienti alimentari costituiti da vegetali o isolati a partire da suddetti vegetali, e gli ingredienti alimentari isolati a partire da animali;
  • i prodotti e gli ingredienti alimentari il cui valore nutritivo, metabolismo o tenore di sostanze indesiderabili è stato modificato in maniera significativa dal processo di produzione.

Il regolamento non si applica agli additivi alimentari, agli aromi alimentari, ai solventi da estrazione né agli enzimi alimentari di cui al regolamento (CE) n. 1332/2008.

Gli organismi geneticamente modificati (OGM) non sono più disciplinati dal presente regolamento, bensì dal regolamento (CE) n. 1823/2003.

Inoltre, i prodotti o gli ingredienti alimentari di cui al presente regolamento, non devono:

  • presentare rischi per il consumatore;
  • indurlo in errore;
  • comportare svantaggi sotto il profilo nutrizionale.

Procedura di valutazione

I prodotti e gli ingredienti alimentari cui si applica il presente regolamento sono sottoposti ad una procedura di valutazione a livello comunitario, prima di essere immessi sul mercato.

Secondo questa procedura, l'autorità competente dello Stato membro al quale la domanda è stata presentata deve effettuare una valutazione iniziale e determinare eventualmente la necessità di una valutazione complementare. Se la Commissione e gli altri Stati membri non sollevano osservazioni e non è necessaria una valutazione complementare, lo Stato membro comunica al richiedente che egli può procedere all'immissione sul mercato del prodotto. In caso contrario, è necessaria una decisione di autorizzazione. Questa decisione viene adottata sulla base delle misure proposte dalla Commissione all’interno del comitato permanente per la catena alimentare e la salute degli animali.

La decisione definisce la portata dell'autorizzazione e precisa, se del caso, le condizioni di utilizzazione, la denominazione, le specifiche e i requisiti in materia di etichettatura del prodotto o ingrediente alimentare in oggetto.

Qualsiasi decisione o disposizione riguardante un nuovo prodotto o ingrediente alimentare che potrebbe avere ripercussioni sulla salute pubblica deve essere preceduta da una consultazione del comitato scientifico per l’alimentazione umana.

Etichettatura

Il regolamento fissa requisiti specifici di etichettatura per questi nuovi prodotti o ingredienti alimentari, che vanno ad aggiungersi ai requisiti generali europei in materia di etichettatura dei prodotti alimentari.

Fatti salvi gli altri requisiti generali in materia di etichettatura dei prodotti alimentari previsti dalla legislazione comunitaria, l’etichetta dei nuovi prodotti e ingredienti alimentari dovrà riportare:

  • tutte le caratteristiche quali la composizione, il valore nutritivo e l’uso al quale il prodotto è destinato;
  • la presenza di sostanze che possono avere ripercussioni sulla salute di determinate persone;
  • la presenza di sostanze che possono dare luogo a riserve di carattere etico.

Procedura di sospensione

Uno Stato membro è autorizzato a sospendere o limitare temporaneamente la commercializzazione e l’utilizzazione sul proprio territorio di un nuovo prodotto o ingrediente alimentare, qualora ritenga che la sua utilizzazione presenti rischi per la salute umana o per l'ambiente. Esso ne informa immediatamente la Commissione, la quale adotta misure al riguardo conformemente alla procedura prevista per l’autorizzazione all’immissione in commercio.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 258/97

14.5.1997

15.5.1997

GU L 43 del 14.2.1997

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 1829/2003

11.7.2003

-

GU L 268 del 18.10.2003

Regolamento (CE) n. 1882/2003

20.11.2003

-

GU L 284 del 31.10.2003

Regolamento (CE) n. 596/2009

7.8.2009

-

GU L 188 del 18.7.2009

Le modifiche e le correzioni successive del regolamento (CE) n. 258/97 sono state integrate nel testo di base. La presente versione consolidata ha unicamente un valore documentale.

Ultima modifica: 20.01.2011

Vedi anche

  • Nuovi prodotti e ingredienti alimentari, sito della direzione generale Salute e consumatori (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina