RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 9 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Repubblica ceca

Archivi

1) RIFERIMENTI

Parere della Commissione [COM(97) 2009 def. - Non pubblicato nella Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(98) 708 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(98) 503 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2000) 703 def. - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2001) 700 def. - SEC(2001) 1746 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2002) 700 def. - SEC(2002) 1402 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]
Relazione della Commissione [COM(2003) 67500 def. - SEC(2003) 1200 - Non pubblicata nella Gazzetta ufficiale]
Trattato di adesione dell'Unione europea [Gazzetta ufficiale L 236 del 23.09.2003]

2) SINTESI

Nel parere del luglio 1997, la Commissione riteneva che la Repubblica ceca avesse realizzato progressi considerevoli nel ravvicinamento delle legislazioni nel settore delle intese tra imprese. Constatava inoltre che l'Ufficio per la tutela della concorrenza economica aveva compiuto sforzi notevoli in materia di applicazione della legislazione. Nel settore degli aiuti di Stato, progressi importanti erano stati realizzati soprattutto in relazione al livello di trasparenza.
La relazione di novembre 1998 sottolineava invece che non era stato rilevato nessun progresso significativo né nel settore delle intese né in quello degli aiuti di Stato.
La relazione di ottobre 1999 evidenziava come i progressi realizzati in materia di controllo degli aiuti di Stato fossero insufficienti. La normativa sulle intese, invece, era ampiamente conforme all'acquis comunitario.
Secondo quanto risulta dalla relazione di novembre 2000, l'allineamento della legislazione ceca era ben avanzato. Anche se la legislazione antitrust aveva registrato progressi limitati, l'allineamento della normativa in materia di aiuti di Stato aveva registrato considerevoli progressi a seguito dell'entrata in vigore di una nuova legge.
La relazione di novembre 2001 segnalava l'entrata in vigore di una nuova legge antitrust nel mese di luglio e sottolineava una progressione constante nel settore degli aiuti di Stato. La Repubblica ceca aveva ovviato alla maggior parte delle lacune legislative segnalate nella relazione del 2000 e la sua legislazione era ormai in gran parte allineata a quella comunitaria.
Dalla relazione di ottobre 2002 emergeva che la Repubblica ceca aveva compiuto ulteriori progressi in questo settore. Essa deve tuttavia concentrare i propri sforzi sul rafforzamento delle misure di applicazione nel settore degli aiuti di Stato.
La relazione di novembre 2003 constata il rispetto degli impegni assunti nel settore antitrust e degli aiuti di Stato, ma sottolinea la necessità di proseguire gli sforzi compiuti sinora al fine di realizzarne un'effettiva attuazione.
Il trattato di adesione è stato firmato il 16 aprile 2003 e l'adesione ha avuto luogo il 1° maggio 2004.

"ACQUIS" COMUNITARIO

Le regole di concorrenza della Comunità europea derivano dall'articolo 3, lettera g) del trattato CE, a norma del quale l'azione della Comunità comporta "un regime inteso a garantire che la concorrenza non sia falsata nel mercato interno". I principali campi d'applicazione sono le intese tra imprese e gli aiuti di Stato.

L'accordo europeo con la Repubblica ceca, entrato in vigore il 1° febbraio 1995, prevede l'applicazione, nei rapporti commerciali tra la Comunità europea e la Repubblica ceca, di un regime di concorrenza basato sui criteri degli articoli 81, 82 e 87 del trattato CE (ex artt. 85, 86 e 92), relativi agli accordi tra imprese, all'abuso di posizione dominante e agli aiuti di Stato,oltre che l'adozione di modalità d'applicazione in questi settori entro i tre anni che seguono l'entrata in vigore dell'accordo.

L'accordo europeo prevede inoltre che la Repubblica ceca renda la propria legislazione compatibile con quella della Comunità nel settore della concorrenza.

Il libro bianco menziona l'applicazione progressiva delle disposizioni citate sopra e di quelle previste dal regolamento sulle fusioni (4064/89) nonché degli articoli 31 e 86 del trattato CE (ex artt. 37 e 90) relativi ai monopoli e ai diritti speciali.

VALUTAZIONE

La normativa vigente in materia di intese è per lo più compatibile con l'acquis comunitario. L'entrata in vigore di una nuova legge in materia di aiuti di Stato nel 2000 e quella di una nuova legge antitrust nel luglio 2001 ha colmato le lacune ancora esistenti.

L'Ufficio per la tutela della concorrenza economica dispone di personale sufficiente e ben formato e ha registrato risultati positivi in materia di applicazione della legislazione antitrust. Questi risultati potrebbero tuttavia essere migliorati attraverso una politica di sanzioni più severa.

La Repubblica ceca si è allineata all'acquis in materia di aiuti di Stato. Sono invece ancora necessari sforzi supplementari nel campo degli aiuti al settore bancario e siderurgico. Malgrado il regime transitorio in materia di ristrutturazione dell'industria siderurgica, di cui quest'ultima beneficia sino al dicembre 2006, la Repubblica ceca dovrà garantire che non verrà accordato alcun aiuto incompatibile con il protocollo relativo al settore siderurgico.

I negoziati relativi al capitolo in oggetto sono tuttora in corso. Al fine di condurre a buon fine i preparativi per l'adesione, la Repubblica ceca deve ora concentrarsi sul settore degli aiuti di Stato garantendo un controllo e una vigilanza più efficaci.

Il presente documento di sintesi, diffuso a titolo informativo, non è inteso ad interpretare né a sostituire il documento di riferimento

Ultima modifica: 03.03.2004
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina