RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 23 lingue
Nuove lingue disponibili:  BG - CS - ET - GA - LV - LT - HU - MT - PL - RO - SK - SL

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


MEDIA 2007: programma di sostegno al settore audiovisivo europeo

MEDIA 2007 è il nuovo programma di sostegno al settore audiovisivo europeo destinato a succedere ai programmi MEDIA Plus e MEDIA Formazione. Il nuovo programma è concepito come un programma unico che riunisce i due aspetti esistenti (sviluppo, distribuzione, promozione / formazione). Il programma riguarda il periodo 2007-2013 ed è dotato di uno stanziamento di bilancio pari a 755 milioni di euro.

ATTO

Decisione n. 1718/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 novembre 2006, relativa all'attuazione di un programma di sostegno al settore audiovisivo europeo (MEDIA 2007).

SINTESI

Il settore audiovisivo è uno strumento essenziale per la trasmissione e lo sviluppo dei valori culturali europei. Tale settore svolge infatti un ruolo fondamentale nella realizzazione di una identità culturale europea e nell'espressione della cittadinanza europea. Inoltre, la circolazione delle opere audiovisive europee (film e programmi televisivi) contribuisce a rafforzare il dialogo interculturale ed a migliorare la comprensione e la conoscenza reciproche delle culture europee. Il sostegno comunitario mira pertanto a consentire al settore dell'audiovisivo di svolgere pienamente tale ruolo di consolidamento della cittadinanza e della cultura europee.

Oltre all'aspetto culturale, il settore audiovisivo europeo presenta del pari un forte potenziale sociale ed economico. Così, ad esempio, il sostegno comunitario al settore audiovisivo si colloca anche nel contesto della strategia di Lisbona che mira a fare dell'Europa l'economia più competitiva e più dinamica del mondo.

Nell'ambito del programma MEDIA 2007, la Commissione intende portare avanti l'azione comunitaria svolta tramite i programmi MEDIA I, MEDIA II, MEDIA Plus e MEDIA Formazione che hanno favorito lo sviluppo dell'industria audiovisiva europea a partire dal 1991.

OBIETTIVI GENERALI

Il programma MEDIA 2007 è istituito per un periodo compreso tra il 1° gennaio 2007 e il 31 dicembre 2013. Esso persegue gli obiettivi generali seguenti:

  • conservare e valorizzare la diversità culturale e linguistica europea e il patrimonio audiovisivo cinematografico europeo, garantire l'accesso al pubblico dello stesso e favorire il dialogo tra le culture;
  • accrescere la circolazione e la visibilità delle opere audiovisive europee all'interno e all'esterno dell'Unione europea;
  • rafforzare la concorrenzialità del settore audiovisivo europeo nel quadro di un mercato europeo aperto e concorrenziale propizio all'occupazione.

Per realizzare questi obiettivi MEDIA 2007 interviene:

  • a monte della produzione audiovisiva per favorire l'acquisizione e il perfezionamento delle competenze e lo sviluppo delle opere audiovisive europee (fasi di preproduzione);
  • a valle della produzione audiovisiva per sostenere la distribuzione e la promozione delle opere audiovisive europee (fasi di postproduzione);
  • nel sostegno a favore di progetti pilota destinati a garantire l'adeguamento del programma agli sviluppi del mercato.

Nei suoi settori di competenza, il programma si basa sulle quattro priorità seguenti:

  • il sostegno al processo creativo nel settore audiovisivo europeo, nonché alla conoscenza e alla diffusione del patrimonio cinematografico ed audiovisivo europeo;
  • il rafforzamento della struttura del settore audiovisivo europeo, in particolare le piccole e medie imprese (PMI);
  • la riduzione, nel mercato audiovisivo europeo, degli squilibri tra paesi a forte capacità di produzione di audiovisivi e paesi o regioni con scarsa capacità di produzione di audiovisivi e/o ad area geografica e linguistica limitata. Tale priorità risponde alla necessità di tutelare e potenziare la diversità culturale ed il dialogo interculturale in Europa;
  • il sostegno degli sviluppi del mercato in materia di digitalizzazione.

DOTAZIONE FINANZIARIA

La dotazione finanziaria del programma è pari a circa 755 milioni di euro.

OBIETTIVI ED INTERVENTI SPECIFICI

Preproduzione

A monte della produzione audiovisiva, gli obiettivi del programma sono i seguenti:

  • acquisizione e perfezionamento di competenze nel settore audiovisivo: il programma consente di sostenere progetti volti a migliorare le capacità di creazione e di gestione degli operatori dell'audiovisivo europeo e ad adattare le loro qualifiche tecniche alle tecnologie digitali. L'obiettivo è del pari potenziare la dimensione europea delle azioni di formazione audiovisiva sostenendo la messa in rete e la mobilità degli operatori interessati (scuole europee di cinema, istituti di formazione, partner del settore professionale). Alcune borse verranno messe a disposizione degli operatori responsabili dei nuovi Stati membri al fine di aiutarli ad affrontare le sfide del mercato audiovisivo allargato;
  • sviluppo: il programma mira a sostenere la fase di sviluppo dei progetti di produzione presentati da società di produzione indipendenti. Il programma aiuterà tali imprese ad elaborare piani di finanziamento validi, anche per quanto riguarda il finanziamento delle coproduzioni.

Postproduzione

A valle della produzione audiovisiva, gli obiettivi del programma sono i seguenti:

  • distribuzione e diffusione: il sostegno alla fase di distribuzione e diffusione resta una priorità per il consolidamento del mercato unico europeo e per il miglioramento della competitività dell'industria audiovisiva. La messa a punto di una strategia di distribuzione europea è essenziale affinché le opere audiovisive europee possano far fronte alla concorrenza mondiale. L'azione comunitaria mirerà a:
    1. rafforzare il settore della distribuzione europea incoraggiando i distributori ad investire nella coproduzione, nell'acquisizione e nella produzione dei film europei non nazionali e a definire strategie coordinate di commercializzazione,
    2. migliorare la circolazione dei film europei non nazionali mediante misure di incentivazione dell'esportazione, della distribuzione e della programmazione nelle sale,
    3. promuovere la diffusione transnazionale delle opere audiovisive europee prodotte da società di produzione indipendenti, incoraggiando la cooperazione fra distributori, da una parte, e produttori e distributori indipendenti, dall'altra,
    4. promuovere la diffusione transnazionale delle opere audiovisive europee prodotte da società di produzione indipendenti, incoraggiando la cooperazione fra emittenti, da una parte, e produttori e distributori indipendenti, dall'altra,
    5. incoraggiare la digitalizzazione delle opere audiovisive europee e incentivare le sale cinematografiche a sfruttare le possibilità offerte dalla distribuzione digitale;
  • promozione: in questo settore, il programma mira a migliorare la circolazione delle opere audiovisive europee garantendo loro un accesso ai mercati professionali europei ed internazionali. Il programma mira del pari a migliorare l'accesso del pubblico europeo ed internazionale alle opere audiovisive europee e incoraggia azioni comuni fra enti nazionali di promozione di film e programmi audiovisivi, nonché azioni di promozione del patrimonio cinematografico ed audiovisivo europeo. Progetti pilota Il programma incoraggia l'innovazione attraverso progetti pilota, in particolare per quanto concerne l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Questi ultimi consentono peraltro di garantire l'adattamento del programma agli sviluppi tecnologici.

MODALITÀ DI ATTUAZIONE

Disposizioni riguardanti i paesi terzi

Nel rispetto delle condizioni richieste e previo il versamento di stanziamenti supplementari, il programma è aperto alla partecipazione dei paesi seguenti:

  • i paesi dell'EFTA membri dello Spazio economico europeo (SEE);
  • i paesi candidati che beneficiano di una strategia di preadesione all'UE;
  • i paesi dei Balcani occidentali (secondo le modalità definite negli accordi quadro relativi alla loro partecipazione ai programmi comunitari);
  • gli Stati aderenti alla convenzione del Consiglio d'Europa sulla televisione transfrontaliera (EN), (FR);
  • altri paesi terzi che abbiano concluso con l'UE accordi di associazione o di cooperazione che prevedano clausole specifiche nel settore dell'audiovisivo.

Beneficiari e disposizioni finanziarie

I beneficiari del programma possono essere persone fisiche. In funzione della natura dell'azione, gli aiuti finanziari potranno assumere la forma di sovvenzioni o di borse.

Gli aiuti finanziari concessi nel quadro del programma non possono superare il 50 % dei costi delle azioni sostenute. In alcuni casi specifici, gli aiuti possono arrivare fino al 75 % dei costi.

Attuazione

La Commissione, assistita da un comitato, è incaricata dell'attuazione del programma.

L'organo esecutivo è la rete europea dei MEDIA desk (EN) (FR) che garantisce la diffusione di informazioni sul programma a livello nazionale, in particolare sui progetti transfrontalieri.

RIFERIMENTI E PROCEDURE

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione n. 1718/2006/CE [adozione: codecisione COD/2004/0151]25.11.2006/TD-GU L 327 del 24.11.2006
 
Ultima modifica: 04.01.2007

Vedi anche

  • Per ulteriori informazioni sul programma MEDIA (EN)
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina