RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 11 lingue

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


MEDIA Plus (2001-2006): programma di sostegno allo sviluppo, alla distribuzione e alla promozione delle opere europee

Archivi

Il programma MEDIA è costituito da due parti distinte: la prima riguarda lo sviluppo, la distribuzione e la promozione di opere audiovisive mentre la seconda riguarda la formazione. Qui di seguito viene presentata la prima parte.

ATTO

Decisione del Consiglio 2000/821/CE del 20 dicembre 2000 riguardante l'attuazione di un programma di sostegno allo sviluppo, alla distribuzione e alla promozione delle opere audiovisive europee (MEDIA Plus - Sviluppo, Distribuzione e Promozione) (2001-2005) [Cfr atti modificativi].

SINTESI

Il programma MEDIA Plus costituisce il seguito dei programmi MEDIA (1991-1995) e MEDIA II (1996-2000).

Bilancio. Il programma MEDIA Plus - Sviluppo, Distribuzione e Promozione è dotato di 350 milioni di euro per il periodo che va dal 1° gennaio 2001 al 31 dicembre 2005.

Obiettivi generali. Il programma ha i seguenti obiettivi generali: migliorare la competitività delle imprese dell'Unione europea e segnatamente delle piccole e medie imprese, sostenere la circolazione transnazionale delle opere europee e incoraggiare la diversità linguistica e culturale in Europa. La valorizzazione del patrimonio audiovisivo europeo, lo sviluppo dell'industria audiovisiva nelle regioni a scarsa capacità di produzione e/o di aree geografiche o linguistiche limitate, nonché l'utilizzazione delle nuove tecnologie, sono del pari oggetto di promozione.

Tipi di azioni sostenute. Le azioni sostenute sono transnazionali e implicano la partecipazione di diversi operatori provenienti dagli Stati partecipanti al programma.

Settori di azione. Il programma sostiene azioni in materia di sviluppo di contenuti audiovisivi, nel settore della distribuzione e della diffusione, nonché la promozione e l'accesso al mercato delle varie opere. Azioni pilota possono essere svolte.

Sviluppo. In materia di sviluppo, si tratta di sostenere le imprese indipendenti e soprattutto le piccole e medie imprese a svolgere progetti, ovvero pacchetti di progetti di produzione per i mercati europeo e internazionale. Viene del pari sostenuta l'utilizzazione delle nuove tecnologie dell'informazione.

Distribuzione e diffusione. Sono incoraggiate le imprese che diffondono opere europee non nazionali al pubblico o ai fini di un uso privato, la circolazione di programmi europei televisivi prodotti da società indipendenti, la creazione di opere europee in formato digitale e il sostegno della diversità linguistica.

Promozione. In materia di promozione viene concesso un sostegno per la promozione delle opere europee nelle manifestazioni commerciali, sui mercati professionali e in occasione dei festival audiovisivi in Europa e nel mondo; per la messa in rete degli operatori europei che sostengono azioni sul mercato europeo internazionale di promozione tramite organismi privati e pubblici; per le azioni che favoriscono l'accesso al mercato, l'elaborazione di banche dati e la partecipazione ai festival.

Progetti pilota. I progetti pilota si prefiggono di migliorare l'accesso alle opere europee attraverso l'utilizzazione di tecnologie innovative. Vengono incoraggiate in particolare la valorizzazione degli archivi, la classificazione, la realizzazione di catene tematiche. Vengono incoraggiati altresì i servizi online di tipo avanzato.

Partecipanti. Il programma è aperto agli operatori degli Stati membri dell'Unione europea e secondo gli accordi in vigore con tali paesi, agli Stati associati dell'Europa centrale e orientale, a Cipro, alla Turchia, a Malta, ai membri dell'Associazione europea di libero scambio, nonché ai paesi firmatari della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla televisione senza frontiere.

Finanziamento. Il sostegno comunitario non supera di norma il 50% del costo complessivo delle azioni. In alcuni casi e segnatamente allorquando i progetti promuovono la diversità linguistica all'interno dell'Unione europea, il sostegno comunitario può raggiungere il 60% dei costi riconosciuti.

Cooperazione con la BEI: iniziativa "i2i-Audiovisivo"

L'iniziativa "i2i Audiovisivo" (DE), (EN), (FR) finanziata dalla Banca europea degli Investimenti (BEI), è venuta a completare il programma MEDIA Plus al fine di mettere a disposizione dell'industria audiovisiva europea nuovi strumenti finanziari e bancari. Si tratta di sostenere i realizzatori a potenziare la loro base finanziaria e ad accelerare il loro adattamento alle tecnologie digitali. L'azione mira segnatamente a sovvenzionare in maniera parziale il costo delle garanzie richieste dagli istituti bancari e finanziari e/o una parte del costo di un credito di finanziamento di crediti professionali.

Questa iniziativa è parte integrante dell'iniziativa "i2i (iniziativa "Innovazione 2000") avviata nel giugno del 2000 dal Gruppo BEI per sostenere lo sviluppo di una economia europea basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Proroga del programma fino al 2006

Con decisione 846/2004/CE il programma è stato prorogato fino al 2006. La dotazione di bilancio passa da 350 a 453,6 milioni di euro per il periodo 2001-2006 per tenere conto dell'impatto dell'allargamento.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione n° 2000/821/CE01.01.2001-GU L 13 del 17.01.2001

Atto(i) modificatore(i)Data di entrata in vigoreData limite di trasposizione negli Stati membriGazzetta ufficiale
Decisione n° 846/2004/CE [adozione: procedura di codecisione COD/2003/0067]02.06.2004-GU L 195 del 02.06.2004

ATTI COLLEGATI

MEDIA 2007

Decisione n° 1718/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 novembre 2006, relativa all'attuazione di un programma di sostegno al settore audiovisivo europeo (MEDIA 2007) [Gazzetta ufficiale L 327 del 24.11.2006].

Il programma MEDIA 2007 costituisce il seguito dei programmi di sostegno al settore audiovisivo europeo MEDIA Plus e MEDIA Formazione. Il nuovo programma è concepito come un programma unico che raggruppa le due parti esistenti (sviluppo, distribuzione, promozione/formazione). Lo stanziamento, per coprire il periodo 2007-2013, è di 755 milioni.

Risultati e attuazione

Relazione della Commissione, del 24 novembre 2003, riguardante l'attuazione e i risultati a metà percorso dei programmi MEDIA Plus e MEDIA Formazione (2001-2005), nonché i risultati dell'azione preparatoria "Crescita e audiovisivo: i2i audiovisivo" [COM(2003) 725 def. - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

L'oggetto di questa relazione è la valutazione dei due primi anni di attuazione di MEDIA Plus e MEDIA Formazione. Secondo tale relazione, i primi risultati in cifre dimostrano che MEDIA Plus ha raggiunto i suoi obiettivi:

  • aspetto Sviluppo: il sostegno ha consentito di sensibilizzare i professionisti sull'importanza della fase di sviluppo dando ad essi accesso a strumenti finanziari aggiuntivi (il sostegno di MEDIA Plus costituisce in media il 16% dei costi di sviluppo);
  • aspetto Distribuzione: il sostegno di MEDIA Plus in questo settore ha prodotto risultati soddisfacenti, conformi agli obiettivi stabiliti: 90% dei film distribuiti al di fuori del territorio nazionale durante il periodo di riferimento sono stati sostenuti da MEDIA Plus;
  • aspetto Promozione e Festival: questo aspetto ha potuto dimostrare la sua efficacia in termini di circolazione delle opere europee non nazionali, nonché di diffusione presso il pubblico. In media l'80% delle opere europee sono state programmate nei festival sostenuti, il che conferisce a tale aspetto un elevato valore aggiunto europeo;
  • aspetto Progetti pilota: i progetti pilota sono stati poco numerosi (5 progetti), anche se hanno rappresentato un budget non trascurabile (3,2 milioni di euro);
  • azione preparatoria "i2i Audiovisivo": il periodo oggetto della valutazione ha comportato solo un esercizio di selezione nel corso del quale sono stati sostenuti 40 progetti per un importo pari a circa un milione di euro.

La relazione sottolinea peraltro i benefici connessi all'esistenza di un sostegno finanziario a livello europeo, vale a dire:

  • l'integrazione di una dimensione europea nei progetti sostenuti, che non vi figurerebbe se i meccanismi di selezione utilizzati nel quadro di MEDIA non privilegiassero tale aspetto;
  • un riequilibrio fra i piccoli paesi, ove gli aiuti nazionali sono spesso inesistenti o di scarso livello, ed i grandi paesi;
  • una complementarità fra aiuti nazionali e sostengo comunitario. Un esempio di tale complementarità risiede nella dimensione transnazionale del sostegno comunitario, mentre i sistemi di aiuto nazionali sono ancora per lo più orientati verso il sostegno della produzione nazionale.
 
Ultima modifica: 26.01.2007
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina