RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Programma di cooperazione nel settore audiovisivo con i paesi terzi 2011-2013, denominato MEDIA Mundus

MEDIA Mundus è un programma europeo volto a promuovere la cooperazione audiovisiva tra i professionisti europei e i loro omologhi nei paesi terzi. Esso contribuisce alla realizzazione degli obiettivi di Lisbona e svolge un ruolo cruciale nella promozione della diversità e del pluralismo culturale.

ATTO

Decisione n. 1041/2009/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che istituisce un programma di cooperazione nel settore audiovisivo con i paesi terzi (MEDIA Mundus).

SINTESI

La presente decisione è volta a istituire il programma MEDIA Mundus per il finanziamento di progetti di cooperazione internazionale con i professionisti dell'audiovisivo dei paesi terzi, per il periodo 2011-2013.

Campo di applicazione

Il programma è rivolto ai professionisti di tutto il mondo, tuttavia il coordinatore di un progetto deve risiedere in uno dei seguenti paesi:

  • Stati membri;
  • Stati dell'EFTA che sono membri del SEE;
  • paesi che dichiarano la loro volontà di partecipare al programma e che versano un contributo calcolato sulla stessa base del loro contributo al programma MEDIA 2007.

Quali sono le condizioni di partecipazione al programma?

I progetti presentati devono soddisfare le seguenti condizioni:

  • essere eseguiti congiuntamente dai professionisti europei e dei paesi terzi;
  • riunire almeno tre partner nella prospettiva di creare una rete internazionale;
  • essere coordinati da un professionista europeo e includere almeno un partner di un paese terzo.

Quali sono gli obiettivi del programma?

Il programma è volto a sviluppare la diversità e la competitività dell'industria audiovisiva europea, nonché a promuovere il ruolo dell'Europa nel settore culturale.

Scambio di informazioni, iniziative di formazione e conoscenze del mercato

Nel quadro del programma, i professionisti europei e dei paesi terzi si incontrano per migliorare la loro comprensione dei loro rispettivi mercati audiovisivi, soprattutto in materia di condizioni operative, quadri giuridici, sistemi di finanziamento e possibilità di cooperazione.

Si tratta di attuare corsi di formazione professionali riguardanti:

  • le condizioni di produzione, di coproduzione, di distribuzione, di proiezione e diffusione delle opere audiovisive su scala internazionale;
  • l'inserimento delle nuove tecnologie in tutta la catena del valore (produzione, postproduzione, distribuzione, marketing e archiviazione).

Competitività e distribuzione

Il programma dovrebbe facilitare la ricerca di partner stranieri per le opere audiovisive europee, favorendo l'organizzazione di mercati della coproduzione.

Inoltre, il programma deve promuovere le vendite internazionali di opere audiovisive.

Circolazione

A questo livello, il programma deve permettere di:

  • migliorare le condizioni di programmazione e di proiezione delle opere audiovisive nelle sale cinematografiche dei paesi europei e terzi;
  • migliorare le condizioni di circolazione e di distribuzione delle opere audiovisive dei paesi terzi attraverso i canali di distribuzione europei, e, viceversa, delle opere europee attraverso i canali di distribuzione internazionali;
  • organizzare eventi ed iniziative destinati soprattutto ad un pubblico giovane.

Qual è la dotazione finanziaria del programma?

La dotazione finanziaria per l’esecuzione del programma nel periodo 2011-2013 è fissata a 15 milioni di euro (di cui 13,5 milioni destinati al sostegno dei progetti).

Contesto

Grazie alle conseguenze della rivoluzione digitale sulle modalità di produzione e di diffusione delle opere, il settore audiovisivo si è fortemente evoluto nel corso degli ultimi 20 anni. Inoltre, il suo ruolo internazionale va crescendo se si pensa alla protezione della diversità culturale. In questo contesto, la consultazione pubblica su MEDIA Mundus ha messo in evidenza la volontà dei professionisti europei e dei loro omologhi nei paesi terzi di collaborare per promuovere ulteriormente la circolazione di opere audiovisive e la cultura cinematografica.

RIFERIMENTI

AttoEntrata in vigoreTermine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale

Decisione n. 1041/2009/CE

24.11.2009

-

GU L 288 del 4.11.2009

ATTI COLLEGATI

Decisione 2010/478/UE del Consiglio, del 26 luglio 2010 , relativa alla conclusione di un accordo tra la Comunità europea e la Confederazione svizzera nel settore audiovisivo che stabilisce le modalità e le condizioni della partecipazione della Confederazione svizzera al programma comunitario MEDIA 2007, nonché dell’atto finale [GU L 234 del 4.9.2010].
Ultima modifica: 29.11.2010
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina