RSS
Indice alfabetico
Questa pagina è disponibile in 15 lingue
Nuove lingue disponibili:  CS - HU - PL - RO

We are migrating the content of this website during the first semester of 2014 into the new EUR-Lex web-portal. We apologise if some content is out of date before the migration. We will publish all updates and corrections in the new version of the portal.

Do you have any questions? Contact us.


Gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT)

Al fine di superare gli ostacoli che si incontrano nella cooperazione transfrontaliera, i gruppi europei di cooperazione territoriale (GECT) sono strumenti di cooperazione a livello comunitario i quali consentono a gruppi cooperativi di attuare progetti di cooperazione territoriale cofinanziati dalla Comunità ovvero di realizzare azioni di cooperazione territoriale su iniziativa degli Stati membri.

ATTO

Regolamento n. 1082/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, relativo al gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT) [Gazzetta ufficiale L 210 del 31.7.2006].

SINTESI

In esito alle difficoltà incontrate dagli Stati membri nel campo della cooperazione transfrontaliera, il presente regolamento introduce un nuovo strumento di cooperazione a livello comunitario nel contesto della riforma della politica regionale, per il periodo 2007-2013. Si tratta del gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT), dotato di personalità giuridica, che sarà operativo a decorrere dal 1° gennaio 2007.

Obiettivo

Il GECT ha lo scopo di agevolare e di promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale tra i suoi membri. Il gruppo è composto da Stati membri, collettività regionali, collettività locali o organismi di diritto pubblico a titolo facoltativo.

Convenzione, compiti e competenze

Le competenze del GECT sono stabilite tramite una convenzione di cooperazione elaborata e approvata dai suoi membri. I membri decidono se costituire il GECT come entità giuridica separata o se affidare i compiti ad uno di loro. I poteri di forza pubblica, i poteri di polizia e di regolamentazione sono esclusi dalla convenzione.

Nei limiti delle sue attribuzioni, il GECT agisce in nome e per conto dei suoi membri. Esso possiede a tal fine la capacità giuridica riconosciuta alle persone giuridiche dalle legislazioni nazionali.

Il GECT può essere incaricato di attuare programmi cofinanziati dalla Comunità, ovvero azioni di cooperazione transfrontaliera con o senza intervento finanziario comunitario. I membri di un GECT devono trovarsi sul territorio di almeno due Stati membri.

La convenzione precisa le funzioni del GECT, la sua durata e le condizioni del suo scioglimento. La convenzione è limitata esclusivamente al settore della cooperazione determinato dai suoi membri e precisa le loro rispettive responsabilità. Il diritto applicabile per l'interpretazione e l'applicazione della convenzione è quello dello Stato membro nel quale si trova la sede ufficiale del gruppo.

Il GECT adotta i propri statuti sulla base della convenzione. Essi contengono disposizioni che riguardano in particolare:

  • l'elenco dei membri;
  • l'obiettivo e le funzioni del GECT nonché le relazioni con i membri;
  • la denominazione e la sede;
  • gli organi, le loro competenze e il relativo funzionamento;
  • le procedure decisionali;
  • la scelta della lingua o delle lingue di lavoro;
  • le modalità di funzionamento, segnatamente per quanto riguarda la gestione del personale, le relative modalità di assunzione, la natura dei contratti, ecc.;
  • le modalità del contributo finanziario dei membri nonché le norme applicabili in materia di contabilità e di bilancio;
  • la designazione di un organismo indipendente di controllo finanziario e di audit esterno.

I membri stabiliscono un bilancio annuale di previsione che è oggetto di una relazione annuale di attività certificata da esperti indipendenti. I membri sono responsabili finanziariamente in proporzione del loro contributo al bilancio fino all'estinzione dei debiti.

CONTESTO

Le altre disposizioni relative alla politica di coesione per il periodo 2007-2013 si trovano nei quattro regolamenti specifici riguardanti:

La politica di coesione per il periodo 2007-2013 ha quale base finanziaria l'accordo interistituzionale e il quadro finanziario per il periodo 2007-2013.

RIFERIMENTI

AttoData di entrata in vigore -Termine ultimo per il recepimento negli Stati membriGazzetta ufficiale
Regolamento (CE) n. 1082/20061.8.2006-GU L 210 del 31.7.2006

ATTI COLLEGATI

Decisione 2006/702/CE del Consiglio, del 6 ottobre 2006, relativa a orientamenti strategici comunitari in materia di coesione [Gazzetta ufficiale L 291 del 21.10.2006].
Il progetto di Orientamenti strategici comunitari per la coesione, la crescita e l'occupazione è stato adottata dal Consiglio in data 6 ottobre 2006. Tali orientamenti strategici costituiscono un quadro indicativo per l'attuazione della politica di coesione e per l'intervento dei Fondi nel periodo 2007-2013.

Decisione 2006/609/CE della Commissione, del 4 agosto 2006, che stabilisce una ripartizione indicativa per Stato membro degli stanziamenti per l'obiettivo "cooperazione territoriale europea" per il periodo 2007-2013 [Gazzetta ufficiale L 247 del 9.9.2006].

Comunicazione della Commissione, del 5 luglio 2005, "Una politica di coesione per sostenere la crescita e l'occupazione - Orientamenti strategici comunitari 2007-2013" [COM(2005) 299 - Non pubblicata sulla Gazzetta ufficiale].

Ultima modifica: 02.11.2006
Avviso legale importante | Informazioni su questo sito | Ricerca | Per contattarci | Inizio pagina