2010 | 2011 | 2012 | 2013 | 2014

2010

Gennaio

1

La Spagna assume per la quarta volta la presidenza di turno del Consiglio dell'Unione europea. È il primo paese chiamato a svolgere questo ruolo sotto il trattato di Lisbona e a partecipare al nuovo "trio di presidenze" che vedrà la Spagna collaborare con il Belgio e l'Ungheria, i prossimi due paesi di turno.

1

La regione della Ruhr (Germania), Pécs (Ungheria) e Istanbul (Turchia) condividono il titolo di Capitale europea della cultura nel 2010.

11-19

Le commissioni del Parlamento europeo conducono una serie di audizioni con i 26 candidati alla nuova Commissione europea.

20

Nikiforos Diamandouros ottiene un secondo mandato come Mediatore europeo.

26

L'UE stanzia 400 milioni di euro per le operazioni di soccorso e ricostruzione a Haiti dopo il devastante terremoto del 7° grado della scala Richter.

Febbraio

9

Il Parlamento europeo approva la Commissione Barroso II con 488 voti a favore, 137 contrari e 72 astensioni.

11

In una riunione informale a Bruxelles, i capi di Stato e di governo convengono di sostenere gli sforzi compiuti dal governo greco per raggiungere gli obiettivi per il 2010 del programma di stabilità. Il presidente Barroso presenta le sue priorità per la strategia EUROPA 2020, illustrando come l'UE debba tracciare la via per uscire dalla crisi creando un nuovo modello economico.

Marzo

26

Durante un vertice del Consiglio europeo a Bruxelles, i capi di Stato e di governo dell'UE adottano gli obiettivi di Europa 2020 e tutti e 16 i paesi dell’area dell’euro approvano un piano per aiutare la Grecia a risolvere il problema del deficit.

Aprile

10

Morte del presidente polacco Lech Kaczynski, di sua moglie e di altre personalità politiche e militari in un disastro aereo nei pressi di Smolensk (Russia), dove si recavano per commemorare il 70° anniversario del massacro di Katyn.

Maggio

7

I capi di Stato e di governo dei paesi dell'area dell'euro convengono di difendere la moneta unica promuovendo il consolidamento dei conti pubblici e rafforzando il coordinamento delle politiche economiche e la sorveglianza di bilancio

Giugno

17

Ad una riunione del Consiglio europeo a Bruxelles, i leader dell'UE adottano Europa 2020, una strategia decennale per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Decidono inoltre di aprire i negoziati di adesione con l'Islanda.

21

Le istituzioni dell'UE raggiungono un accordo politico sulla struttura e le modalità di funzionamento del Servizio europeo di azione esterna.

Luglio

1

Il Belgio assume per 6 mesi la presidenza del Consiglio dell'Unione europea. Le priorità della presidenza belga, tra cui l'economia e l'ambiente, sono state definite in anticipo insieme alla Spagna e all'Ungheria, i paesi associati al Belgio in un "trio" in quanto titolare precedente e successivo della presidenza di turno.

23

Vengono effettuati test di resistenza (stress test) su 91 banche europee per valutare la loro capacità di resistere agli shock economici. Solo sette sono bocciate.

Settembre

29

L'UE esprime sostegno alla popolazione Rom in Europa, dichiarandosi contraria a qualsiasi restrizione alla libertà di circolazione dei cittadini europei.

Ottobre

20

Staffan Nilsson è eletto presidente del Comitato economico e sociale europeo per un mandato di due anni e mezzo.

29

Il Consiglio europeo discute come rafforzare l'area dell'euro e rendere le economie più resistenti alle crisi.

Novembre

12

Al vertice di Seul, i leader del G20 si impegnano ad attuare un piano d'azione comune per promuovere una crescita più equilibrata nel contesto dell'economia globalizzata.

15

Aung San Suu Kyi, leader democratica impegnata nella difesa della libertà e dei diritti umani in Birmania/Myanmar, viene liberata dopo sette anni di arresti domiciliari.

28

L'UE decide di sostenere l'economia irlandese per preservare la stabilità dell'euro.

Dicembre

11

La conferenza di Cancún sul clima si conclude con la firma di un accordo di ampia portata per realizzare una serie di azioni per il clima dopo il 2012.

20

Per la prima volta è usata la procedura di cooperazione rafforzata, per cui le normative europee si applicano inizialmente soltanto in alcuni paesi dell'UE: il Consiglio europeo riconosce alle coppie internazionali che vivono nell'UE il diritto di scegliere quale legislazione nazionale applicare in caso di divorzio.

 Vedi anche:

PER CONTATTARCI

Richieste d'informazione di carattere generale

Chiama il numero
00 800 6 7 8 9 10 11 Come funziona il servizio telefonico?

Invia le tue domande per e-mail

Contatti e informazioni sulle visite alle istituzioni, contatti con la stampa

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?