1990 | 1991 | 1992 | 1993 | 1994 | 1995 | 1996 | 1997 | 1998 | 1999

1991

Gennaio

1

Il Lussemburgo assume la presidenza del Consiglio delle comunità europee.

Marzo

18

Apertura a Managua, Nicaragua, della settima Conferenza ministeriale della Comunità e dei suoi Stati membri con i paesi partner dell'America centrale, ai quali si aggiungono Panama, Colombia, Messico e Venezuela. La Conferenza è dedicata al tema del dialogo politico e della cooperazione economica (San José VII).

Aprile

8

Il Consiglio europeo, riunito in sessione informale a Lussemburgo, esamina i problemi del Medio Oriente dopo la crisi del Golfo e decide un aiuto umanitario d'urgenza a favore dei curdi e di altri profughi della regione. 

14

Inaugurazione della Banca europea di ricostruzione e di sviluppo a Londra, Regno Unito. 

Giugno

4

Il Consiglio "Sanità" adotta il piano d'azione "Europa contro l'AIDS".

19

Apertura a Berlino, Germania, della prima sessione del Consiglio dei ministri della Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa (CSCE).

28-29

Il Consiglio europeo di Lussemburgo conferma in particolare la necessità che i lavori di due conferenze intergovernative, dedicate all'Unione economica e monetaria e ad alcuni aspetti dell'Unione politica, proseguano in parallelo sulla base del progetto di trattato elaborato dalla presidenza. 

Luglio

1

I Paesi Bassi assumono la presidenza del Consiglio delle comunità europee.  La Svezia presenta domanda ufficiale di adesione alle Comunità europee. 

15-17

Diciassettesima riunione del vertice economico occidentale a Londra, Regno Unito. I partecipanti decidono di tenere riunioni annuali con l'Unione sovietica e di definire un piano di assistenza a tal fine. Essi stabiliscono inoltre di aprire i propri mercati ai prodotti e servizi dei paesi dell'Europa orientale e si impegnano a contribuire alla positiva conclusione dei negoziati dell'Uruguay Round. 

22

Il Consiglio accorda un'assistenza finanziaria a Israele e alle popolazioni palestinesi dei territori occupati. 

25

Sentenza della corte di Giustizia delle Comunità europee nella causa Stoeckel. La Corte stabilisce che le norme del codice del lavoro francese che vietano alle donne il lavoro notturno nell'industria sono in contrasto con il principio della parità di trattamento fra uomini e donne per quanto riguarda l'accesso al lavoro. 

Agosto

22

Colpo di stato mancato in Unione Sovietica.

Settembre

1

Entra in vigore la quarta Convenzione di Lomé sullo sviluppo delle relazioni fra la Comunità e gli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP). 

7

Apertura della conferenza di pace sulla Iugoslavia a L'Aia, Paesi Bassi.

Ottobre

21

Il Consiglio raggiunge un accordo sulla creazione dello Spazio economico europeo (SEE). 

30 - 14/11

Apertura a Madrid, Spagna, della conferenza di pace sul Medio Oriente. Alla Comunità viene affidato un ruolo guida nei prossimi negoziati multilaterali.

Novembre

6

La Commissione decide di istituire un Ufficio europeo dell'aiuto umanitario. 

7

Il Consiglio esprime parere favorevole su misure di alleggerimento dell'indebitamento degli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP). 

18

Sentenza della corte di Giustizia delle Comunità europee nella causa Francovich. La Corte stabilisce che uno Stato membro che arrechi a un cittadino un danno derivante dalla violazione del diritto comunitario è tenuto a pagare un risarcimento. 

26

La Comunità aderisce all'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), diventando così la prima organizzazione di integrazione economica che sia membro a pieno titolo di un'agenzia specializzata delle Nazioni Unite. 

Dicembre

9-10

Il Consiglio europeo, riunito a Maastricht, Paesi Bassi, raggiunge un accordo sul progetto di trattato sull'Unione europea.

16

Firma degli accordi europei con la Polonia, l'Ungheria, la Cecoslovacchia. 

17

Firma della Carta europea dell'energia. 

26

I presidenti delle repubbliche dell'Unione sovietica, esclusa la Georgia, firmano ad Alma Ata, Kazakstan, un accordo che istituisce la Comunità degli Stati indipendenti (CSI). 

25

Dimissioni di M. Gorbaciov da presidente dell'Unione Sovietica.

 Vedi anche:

PER CONTATTARCI

Richieste d'informazione di carattere generale

Chiama il numero
00 800 6 7 8 9 10 11 Come funziona il servizio telefonico?

Invia le tue domande per e-mail

Contatti e informazioni sulle visite alle istituzioni, contatti con la stampa

Aiutaci a migliorare il sito

Hai trovato le informazioni che cercavi?

No

Cosa cercavi?

Hai suggerimenti?