1960 | 1961 | 1962 | 1963 | 1964 | 1965 | 1966 | 1967 | 1968 | 1969

1967

Febbraio

9

Il Consiglio dei ministri della CEE decide di armonizzare le imposte indirette della Comunità, di adottare il sistema dell'imposta sul valore aggiunto e di approvare il primo programma di politica economica a medio termine che definisce e fissa gli obiettivi di politica economica della Comunità per gli anni successivi. 

Marzo

13

Alain Poher è rieletto presidente del Parlamento europeo.

Maggio

11

Il Regno Unito presenta nuovamente domanda di adesione alla Comunità, seguito dall'Irlanda, dalla Danimarca e, dopo qualche tempo, dalla Norvegia. Il generale de Gaulle si dimostra ancora riluttante ad accettare l'ingresso del Regno Unito. 

29-30

Vertice a Roma per celebrare il decimo anniversario della firma dei trattati CEE ed Euratom. I capi di stato e di governo annunciano che il trattato di fusione delle istituzioni delle tre Comunità entrerà in vigore con decorrenza dal 1° luglio 1967.

Giugno

30

La Commissione firma l'atto finale dei negoziati multilaterali (Kennedy Round) dell'Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio (GATT).

Luglio

1

Entrata in vigore del trattato di fusione degli esecutivi delle Comunità europee (CECA, CEE, Euratom). Da questo momento le Comunità europee avranno un'unica Commissione e un unico Consiglio. Le due istituzioni continueranno a operare in conformità delle norme che governano ciascuna Comunità. 

3

Prima sessione del Consiglio delle Comunità europee; la Germania ne assume la presidenza.

6

Entra in carica la nuova Commissione, presieduta da Jean Rey.

Settembre

13

La Commissione pubblica un parere sulle domande di adesione alla CE presentate dal Regno Unito, dalla Danimarca, dall'Irlanda e dalla Norvegia.

Novembre

28

Riunione annuale congiunta delle istituzioni dedicata all'esame delle prospettive di sviluppo delle Comunità a seguito della fusione delle istituzioni.

 Vedi anche: